Bivacco Città di Mariano

Bild des Benutzers maurizio
maurizio
0 votes
+
Vote up!
-
Vote down!
Data rilievo: 
12/08/2009
Difficoltà: 
T3
Quota di partenza: 
1 689 m
Quota di arrivo: 
2 860 m
Dislivello: 
1 171 m
Lunghezza*: 
12.82 km
Tempo di salita o complessivo*: 
2h30'
Tempo di discesa: 
2h00'

Introduzione

Un itinerario interessante e in grado di offrire belle soddisfazioni. Il percorso si snoda nel tratto iniziale del vallone delle Cime Bianche. La salita al bivacco, posto ai piedi della Gobba di Rollin, regala suggestivi momenti di alta montagna.

Descrizione

Lasciata l'auto nella piazzetta di Saint-Jacques si prosegue fino al termine della strada in località Blanchard e si imbocca la mulattiera che porta al Pian di Verra. Dopo pochi metri si supera un ponticello e si inizia a risalire un bel bosco di larice su un sentiero estremamente battuto: le tracce sembrano infinite! Si raggiunge in breve un bivio accompagnato da una palina segnaletica: si svolta a sinistra e si raggiunge in pochi minuti il caratteristico villaggio di Fiéry (1879m, 0h20') . Si raggiunge l'ex Hotel Bellevue e si svolta a destra attraversando il minuto abitato. Dopo pochi metri si incontrano nuove paline segnaletiche che indicano di svoltare a sinistra. Ci si inoltra nel bosco e, dopo aver incontrato una targa dedicata a Pier Giorgio Frassati, si raggiunge un ponticello poco prima di una bucolica radura. Il comodo sentiero ora inizia a risalire e prendere quota, lentamente si aprono splendidi scorci sul Castore (4226m); il percorso si alterna tra bosco e piccoli pascoli sino ad inserirsi in un piccolo valloncello nel quale scorre un piccolo ruscelletto. Quando il sentiero ripiana leggermente si raggiunge un bivio (2095m, 0h50'): si svolta a destra, si attraversa il ruscello e si risale con un paio di svolte il costolone che separa il vallone Cortod dalla valle di Tzère. Dopo un breve tratto di salita ripida il sentiero si spiana leggermente che ed in breve raggiunge i ruderi che precedono l'Alpe Ventina (2179m, 1h10').
Superata l'alpe il sentiero risale, con un paio di svolte, il pendio erboso sino a confluire su di un piccolo altopiano nel quale scorre un placido torrentello. Con una lieve salita si raggiunge un altro pianoro, quello che precede l'alpe Varda. Dopo un breve tratto si incontra una palina segnaletica che indica di svoltare a destra in direzione del bivacco (2343m, 1h30'). Si attraversa un primo ruscello ed in seguito si passa nei pressi dell'ampia piana torbiera sottostante l'alpe Varda. Superato il ruscello di deflusso della torbiera si riprende a salire lungo gli splendidi pendii erbosi che precedono il Palon di Tzère; dopo un primo tratto di salita a mezzacosta si raggiunge un pianoro ondulato dal quale si aprono interessanti scorci sulle lontane Cime Bianche. Si punta ora verso il bivacco, un puntino rosso il lontananza sotto la Gobba di Rollin; il sentiero risale il versante orientale del Palon di Tzère e raggiunge i ruderi dell'alpe di Tzère (2532m, 2h15'). Superati i ruderi il sentiero incomincia ad incontrare un ambiente più aspro, si attraversano pietraie sino a raggiungere una piccola sella: da qui, dopo alcune brevi svolte, si imbocca un canalino roccioso verso destra. Superato il canalino l'itinerario procede alternando tratti di sentiero a passaggi su piccole roccette: la meta è ormai vicina, si svolta verso sinistra e si raggiunge infine il Bivacco Città di Mariano (2860m, 2h45').
Dalla capanna, guardandosi intorno, scorgiamo un ampio panorama sulla valle da noi risalita con vista sul Grand Tournalin e la Roisetta verso Sud e alle nostre spalle sulla Gobba di Rollin.
Il ritorno si effettua sullo stesso itinerario dell'andata.

L'ultimo tratto di salita è consigliato ad escursionisti un po' più esperti: il terreno prevalentemente roccioso può diventare insidioso in caso di bagnato.
Lungo gli ultimi passaggi rocciosi sotto il bivacco non è inusuale incontrare il camoscio (Rupicapra rupicapra).

Informazioni generali

Via: da Saint-Jacques
Segnavia:
Tipologia percorso: a/r
Periodo consigliato: luglio, agosto, settembre
Esposizione al sole: sud-est
Pericolo Oggettivo: nessuno
Tratti esposti: nessuno
Attrezzatura utile: normale attrezzatura per escursionismo
Acqua: Saint-Jacques e vari ruscelli

Riferimenti bibliografici

  •  

Accesso stradale

Raggiunta l'uscita dell'autostrada A5 di Verrès si seguono le indicazioni per Champoluc e Brusson e dopo aver attraversato parte dell'abitato di Verrès ci si immette sulla strada regionale che risale tutta la valle di Ayas fino all'abitato di Saint-Jacques (31.5 km, 0h45'). Raggiunto il villaggio si Saint-Jacques si può lasciare l'auto nel piazzale antistante la chiesa parrocchiale oppure, se non c'è posto, bisogna ritornare indietro e cercare un posto su uno dei due parcheggi che precedono il vilaggio.

Galleria fotografica

Bivacco Città di Mariano: tracce GPS

Bivacco Città di Mariano: ci siamo stati!

#escursioni in Val d'Ayas: relazioni itinerari

  • Castello di Graines

    15/05/2016
    Bild des Benutzers massimo
    massimo
  • Ru Courtaud

    7/06/2014
    Bild des Benutzers massimo
    massimo
  • Mont Zerbion, da Barmasc

    30/08/2014
    Bild des Benutzers massimo
    massimo
  • Rifugio Ferraro

    Bild des Benutzers massimo
    massimo
  • Monte Croce

    Bild des Benutzers massimo
    massimo
  • Punta della Regina

    Bild des Benutzers massimo
    massimo
  • Salomon

    Bild des Benutzers massimo
    massimo
  • Punta Valnera

    Bild des Benutzers inalto
    inalto
  • Mont Bieteron

    8/10/2006
    Bild des Benutzers massimo
    massimo
  • Col Dondeuil

    29/05/2005
    Bild des Benutzers ivano_ruffoni
    ivano_ruffoni
  • Rifugio Guide di Ayas

    Bild des Benutzers gian
    gian
  • Rifugio Arp

    Bild des Benutzers massimo
    massimo

Seiten

Ayas: per saperne di più...