Rifugio Selleries

Bild des Benutzers massimo
massimo
0 votes
+
Vote up!
-
Vote down!
Data rilievo: 
25/01/2009
Difficoltà: 
WT2
Quota di partenza: 
1 660 m
Quota di arrivo: 
2 023 m
Dislivello: 
426 m
Tempo di salita o complessivo*: 
2h15'
Tempo di discesa: 
2h00'

Introduzione

Escursione molto affascinante, non difficile, ma da percorrere in condizioni di neve ottimali. Lungo il cammino si possono apprezzare bellissimi scorci sulla Val Chisone e sulle vette che la circondano il tutto immersi nel Parco Regionale Orsiera-Rocciavrè: non sarà difficile imbattervi in qualche incontro con i suoi "residenti" abituali.

Descrizione

Dal Centro Soggiorno Pra Catinat procedere lungo la strada estiva sino a raggiungere un secondo parcheggio: svoltare a sinistra ed iniziare a percorrere la pista innevata che si sviluppa in direzione ovest: il percorso intrapreso nel primo tratto in realtà non è altro che la Strada dell'Assietta. Procedere in leggera salita nel bel bosco innevato sino a raggiungere l'ingresso alto del Forte delle Valli (1700m, 0h20'). Svoltare a destra ed inoltrarsi nel bosco; il primo tratto di marcia si svolge nel bosco di larice con alcuni brevi saliscendi; superato un ponticello si inizia una brevissima salita sino a raggiungere una piccola radura, all'altezza dell'area attrezzata di Pra Catinat, dalla quale si possono apprezzare interessanti scorci sulla bassa Val Chisone. Proseguire superando un breve strappo, nel bosco rado, sino a portarsi sul breve ripiano che precede l'alpeggio di Champfoulcre; seguire un'ampia curva a destra portandosi sopra l'alpeggio mentre a sinistra si delinea la sagoma del Monte Pelvo. Procedere ora con un lungo traverso in costante salita che taglia il crinale delle Mufiette: si marcia sempre sulla strada estiva, relativamente larga e comoda, solo l'attraversamento di un paio di ampi canaloni può destare preoccupazione in caso di forte innevamento. La pendenza della strada digrada sino a raggiungere il punto culminante dell'escursione (2086m, 1h40'): si procede ancora per un breve tratto in piano sino a raggiungere il Saret del Campo (2069m, 1h45'). Procedere ora in discesa nel vallone del Jouglard (altro passaggio critico in caso di forte innevamento) sino a raggiungere la Bergerie del Jouglard (2031m, 1h550) per poi proseguire su di un lungo traverso, abbastanza inclinato, che aggira la lunga cresta meridionale del Monte Orsiera. Qualche saliscendi e si raggiunge infine la conca del Selleries: si passa sotto un roccione spiovente e si discende sino al Rifugio Selleries (2023m, 2h15').
Il ritorno avviene sul medesimo itinerario percorso all'andata (2h00').

Informazioni generali

Via:
Segnavia:
Tipologia percorso:
Periodo consigliato:
Esposizione al sole:
Pericolo Oggettivo:
Tratti esposti:
Attrezzatura utile:
Acqua:

Riferimenti bibliografici

  • Parco Naturale Orsiera Rocciavrè e Riserve degli Orridi di Chianocco e Foresto, Carta Turistica 1:25000, Piemonte Parchi, 2005

Accesso stradale

Galleria fotografica

Rifugio Selleries: ci siamo stati!

#ciaspolare in Val Chisone: relazioni itinerari

  • Rifugio Troncea

    24/01/2010
    Bild des Benutzers massimo
    massimo
  • Rifugio Selleries

    25/01/2009
    Bild des Benutzers massimo
    massimo

Roure: per saperne di più...