Alpe Ciof

Bild des Benutzers Cai56
Cai56
1 vote
+
Vote up!
-
Vote down!
Difficoltà: 
WT2
Quota di partenza: 
1 021 m
Quota di arrivo: 
1 732 m
Dislivello: 
711 m
Lunghezza*: 
6.50 km
Tempo di salita o complessivo*: 
2h00'
Tempo di discesa: 
1h00'

Introduzione

Breve escursione di interesse panoramico che conduce ad uno degli alpeggi tuttora caricati, dove viene prodotto il famoso formaggio Bitto. La parte bassa del percorso si svolge su di una mulattiera - a tratti anche molto ripida - immersa in un bosco misto molto suggestivo; a circa 1500 m il terreno si apre sui pascoli con amplissime vedute su tutto il tratto valtellinese delle Alpi Retiche e sulle più prossime valli orobiche.

Descrizione

Al fianco sinistro della chiesetta si imbocca la strada forestale, inizialmente asfaltata, che conduce - secondo le indicazioni - a "Combana" e "Combanina". Si prosegue lungamente lungo di essa e, dopo un grosso casello dell'acquedotto, nei pressi dell'attuale fine della pista, si sale ripidamente a sinistra su sentiero gradinato. Il percorso risale a tornanti le pendici boscose dello sperone compreso fra Val Mala e Val di Pai; spesso si incontrano antiche costruzioni risalenti a periodi in cui le attività forestali e di agricoltura pastorale erano disseminate sul monte a fasce altitudinali di uso secondo l'andamento delle stagioni. Seguendo le ben visibili indicazioni a vernice si nota che ai bivii principali si deve sempre tenere la destra. Dopo un tratto molto ripido, il sentiero spiana nei pressi di un piccolo casello dell'acquedotto (baita con frecce di indicazione) e, volgendo a sinistra, si immerge in un bosco molto fitto da risalire a stretti tornantini. In breve la vegetazione finisce e improvvisamente si sbuca sugli ampi pascoli delle baite a quota 1509m: bella visione sulla più nota e affollata meta scialpinistica della valle, la Cima della Rosetta. Ignorando una freccia che indica a sinistra, ci si appoggia nel valloncello di destra e - su neve polverosa - si comincia la salita del dosso terminale: il pendio è ripido e la traccia, spesso poco solida, tende a cedere a valle. La radura si restringe e, già in vista della meta, si percorre una larga spalla con neve ventata e crostosa
Attenzione a una ripida conca con accumuli pericolosi sulla sinistra: le due baite dell'Alpe Ciof (1732m), recentemente rimodernate, sono il panoramico punto di arrivo.
Discesa per il percorso di andata. E' possibile evitare l'ultimo monotono tratto sulla pista forestale facendo attenzione - guardando a est - alla comparsa del campanile della parrocchiale di Pedesina: in quel preciso punto si aprono a valle dei ripidi prati che conducono appena a monte della chiesetta di San Rocco.
Nelle immagini ad illustrazione della gita si nota l'uso degli sci al posto delle racchette: per gli sciatori alpinisti però questo itinerario è solo di ripiego e necessita di forti quantità di neve per poter procedere comodamente nel bosco.

Informazioni generali

Via: da Pedesina
Segnavia: rosso/bianco/rosso. 115 poi 5. Spesso sui tronchi, ben visibile.
Tipologia percorso: a/r
Periodo consigliato: dicembre, gennaio, febbraio, marzo
Pericolo Oggettivo: nessuno
Esposizione al sole: est
Tratti esposti: nessuno
Acqua: -

Riferimenti bibliografici

  •  

Accesso stradale

Da Milano a Morbegno lungo le statali 36 e 38; alla rotonda all'ingresso della città svoltare a destra in direzione Valgerola. Risalire la vallata fino al paese di Pedesina: fra le poche case girare a destra in salita e, dopo alcuni tornanti, parcheggiare in un piazzaletto presso la chiesa di S.Rocco.

Galleria fotografica

Alpe Ciof: ci siamo stati!

#ciaspolare in Valtellina: relazioni itinerari

  • Passo Pedena

    13/11/2011
    Bild des Benutzers Cai56
    Cai56
  • Dosso Tachèer

    Bild des Benutzers Cai56
    Cai56
  • Alpe Ciof

    Bild des Benutzers Cai56
    Cai56
  • Dosso Chierico

    Bild des Benutzers Cai56
    Cai56

Pedesina: per saperne di più...