Lago di Arcoglio

Bild des Benutzers Cai56
Cai56
0 votes
+
Vote up!
-
Vote down!
Difficoltà: 
T3
Quota di partenza: 
1 518 m
Quota di arrivo: 
2 234 m
Dislivello: 
716 m
Tempo di salita o complessivo*: 
3h30'
Tempo di discesa: 
2h30'

Introduzione

Escursione inedita (benchè segnalata) su sentieri in parte abbandonati e in parte nemmeno cartografati. Un tratto di percorso è cancellato da una frana attiva e pericolosa: in loco è indicata una variante, peraltro irreperibile nella vegetazione.
Nota sulla difficoltà: T2 per il percorso globale, T3 per l'orientamento e l'attraversamento della frana.
Il dislivello apparente è modesto, ma bisogna tenere conto di vari saliscendi e della notevole estensione di spostamento nei lunghi tratti semipiani. Grande varietà di ambienti attraversati: umidi ed erbosi a nord, aridi e rocciosi a sud, ampie praterie a pascolo con alpeggio attivo, zona umida nei pressi del laghetto meta della gita. L'ultimo tratto dell'escursione si innesta all'Alpe Arcoglio sulla prima tappa dell'Alta Via della Valmalenco. Naturalmente amplissimo il panorama sui completi gruppi del Bernina e dello Scalino.

Descrizione

Dal piazzale della Forcola di Triangia (1518m), passando presso un paio di baite restaurate, si entra nel bosco su una pista erbosa in lieve discesa: dove questa si arresta, un paio di tornanti su sentiero fanno scendere al lungo traverso (traccia a tratti molto stretta ed erbosa su pendio ripido) che conduce al fondo del solco del torrente Valdone. Dopo il semplice guado, una breve corda fissa agevola il recupero del sentiero su una paretina raschiata dalle valanghe. Si prosegue su terreno roccioso alternando tratti piani anche su cenge artificiali (accertarsi delle condizioni di alcuni semi-ponti con base di vecchi tronchi) a risalite nella vegetazione da bosco asciutto. Si giunge ad un bivio nei pressi di Prada (1500m circa): si continua in salita a sinistra (lasciando a destra il sentiero proveniente da Marsciana). Da qui la salita è continua fino a portarsi su una spalla erbosa coperta da un luminoso lariceto: nuovo bivio con prosecuzione a sinistra (da destra arriva un sentiero dai Pizzi). La traccia si fa meno evidente fra l'erba alta e gli alberi caduti: si percorre comunque una sorta di corridoio boscoso in lieve salita, fino a sbucare nella radura un po' paludosa dei Prati Fontani (1700m circa). Qui si trova la palina con l'indicazione "variante", ma la traccia fra gli ontani è irreperibile; per cui si continua a seguire i radi segni di vernice che in breve si vanno ad arrestare su una frana di estensione limitata, ma molto mobile e precaria (proseguire in silenzio e con delicatezza). L'attraversamento della colata di sabbie e massi deve avvenire in lieve salita tenendo come obbiettivo due grossi larici, il destro dei quali ha una vasta scortecciatura sul tronco. Da qui riprende ciò che rimane del sentiero: l'erba è foltissima e bisogna seguire un passaggio con ontani diradati. Si sbuca in un valloncello appena accennato e privo di vegetazione arborea: lo si risale con tornanti malamente individuabili fino ai resti di un antico abbeveratoio. Si prosegue verso destra in direzione dei vasti pascoli dell'Alpe Canale (1940m) (già visibile da Prati Fontani). Attraversato fra le poche baite, il sentiero - ben visibile - prosegue a saliscendi in un meraviglioso bosco di larici e abeti che accompagna il percorso fino alla grande alpe di Arcoglio Inferiore (1976m). Qui giunge una pista sterrata da Torre S.Maria e ci si innesta sul percorso della prima tappa dell'Alta Via della Valmalenco. Seguendo i triangoli gialli si sale al più piccolo terrazzo di Arcoglio Superiore (2132m). Senza alcuna difficoltà il sentiero, diventato sassoso, conduce in pochi minuti alla pittoresca conca del Lago d'Arcoglio (2234m). Circondato alle spalle dalla cerchia di Monte Arcoglio, Monte Canale e Sasso Bianco, il piccolo specchio d'acqua riflette sul lato nord tutta la parata dei monti della Valmalenco: Dal Pizzo Gluschaint alla Corna Mara, passando per Piz Roseg, Monte Scerscen, Pizzo Bernina, Piz Palù e Pizzo Scalino.
Ritorno per la via di andata.

Informazioni generali

Via: da Fòrcola di Triangia
Segnavia: rosso/bianco, giallo
Tipologia percorso: a/r
Periodo consigliato: giugno, luglio, agosto, settembre, ottobre
Pericolo Oggettivo: attraversamento di frana attiva
Esposizione al sole: sud-est
Tratti esposti: si, mascherati dalla vegetazione

Riferimenti bibliografici

Accesso stradale

Da Milano a Sondrio lungo le statali 36 e 38; alla rotonda all'ingresso della città svoltare a sinistra in direzione Valmalenco. Abbandonare la provinciale poco dopo un ampio tornante all'incrocio in direzione Triangia. Una serie di tornanti nel bosco e la frazione Moroni precedono l'arrivo a Triangia. Al centro del piccolo paese si stacca la strada comunale per Ligari; arrivati qui è necessario acquistare (presso il "Ristoro Ligari", indicato) il pass per proseguire sulla lunga pista agro-silvo-pastorale: 3 euro nel 2010. La strada risale il versante meridionale del Monte Rolla alternando tratti asfaltati e tratti sterrati, fino ad arrivare alla contrada Fòrcola di Triangia. Un tratturo si stacca sulla destra del tornante per condurre ad un piccolo parcheggio all'imbocco del sentiero.

Galleria fotografica

Lago di Arcoglio: ci siamo stati!

#escursioni in Valtellina: relazioni itinerari

  • Sass dal Gal

    16/10/2013
    Bild des Benutzers Cai56
    Cai56
  • Prati Nestrelli

    24/11/2011
    Bild des Benutzers Cai56
    Cai56
  • Bivacco Manzi-Pirotta

    24/09/2013
    Bild des Benutzers Cai56
    Cai56
  • Varrone delle Vacche

    23/09/2013
    Bild des Benutzers Cai56
    Cai56
  • Monte Pedena

    26/08/2012
    Bild des Benutzers Cai56
    Cai56
  • Bocchetta dei Lupi

    6/10/2011
    Bild des Benutzers Cai56
    Cai56
  • Lago di Arcoglio

    Bild des Benutzers Cai56
    Cai56
  • Alpe Granda

    Bild des Benutzers Cai56
    Cai56
  • Alpeggi di Buglio in Monte

    Bild des Benutzers Cai56
    Cai56
  • Corna Mara

    Bild des Benutzers Cai56
    Cai56
  • Passo di Scermendone

    6/09/2009
    Bild des Benutzers Cai56
    Cai56
  • Baita Aguc

    Bild des Benutzers Cai56
    Cai56

Seiten

Torre di Santa Maria: per saperne di più...