E’ OSCAR PEREZ IL GIGANTE TRA I GIGANTI

Mittwoch, 12 September, 2012 - 00:00
0 votes
+
Vote up!
-
Vote down!

Courmayeur, 12 settembre 2012
”La corsa è dura, ma la mia testa lo è stata di più”. Oscar Perèz è arrivato a Courmayeur alle 13.56 conquistando la terza edizione del Tor des Géants®, con il nuovo record della corsa: 75 ore e 56 minuti per completare l’anello più spettacolare delle Alpi. In Piazza Abbé Henry è arrivato fresco come se i 330 km che ha percorso per ritornare a Courmayeur non l’avessero minimamente toccato. Ma la sua lucidità e l’intelligenza nella gestione delle pause e più in generale della corsa, gli hanno permesso di staccare di più di due ore Gregoire Millet, il francese arrivato secondo che ha dominato la corsa fino a Cuney e Christophe Le Saux, che ha appena superato il rifugio Bonatti.
Ma la vera impresa l’ha fatta il corridore spagnolo, che nel 2012 ha fatto parlare di sé per aver conquistato il primo posto all’ultimo Ultra Trail d’Andorra nel luglio scorso. Al suo arrivo, Perèz è stato accolto dall’Assessore al Turismo Aurelio Marguerettaz, che ha lodato la sua impresa, ricordando quanto tutta la Valle d’Aosta oggi abbia vinto insieme a lui. “E’ un successo per tutti i volontari, per l’organizzazione e per tutti coloro che hanno affollato i nostri sentieri per tifare i 629 giganti al loro passaggio – ha detto Marguerettaz – La pioggia non rovina questa bellissima festa, anzi, la rende ancora più vera, perché dimostra tutte le anime della montagna”.
39 anni, elettricista, Perèz è famoso per le sue imprese senza alcuna assistenza. Oggi è l’indiscusso re dell’endurance trail valdostano, acclamato durante la corsa e sui social network: “Ci sono persone che rompono le barriere e portano a ripensare i limiti dell’essere umano. Grande Oscar Perèz” si legge seguendo l’hashtag twitter #TDG12, che per tutta la durata della sua impresa non ha smesso di raccogliere l’affetto di tutto il mondo per il corridore spagnolo.
Adesso Perèz attenderà a Courmayeur l’arrivo degli altri giganti sul percorso, primo fra tutti il francese Grégoire Millet, arrivato alle 16.50 a Courmayeur, pensando ai momenti più belli che ha vissuto in questi tre giorni di gara. “Se dovessi sceglierne uno – ha detto all’arrivo Oscar – ho sicuramente nel cuore quando prima della base vita di Valgrisenche un signore di 70 anni mi ha accompagnato per più di un’ora. Ero in crisi, e lui mi ha aiutato. Prima di ripartire mi ha detto: ‘Stai tranquillo che di notte, come un vero lupo, li riprendi’. E li ho ripresi davvero”.

Il Tor des Géants® in numeri
659 iscritti, 71 donne
27 nazioni rappresentati
629 partenti
331 italiani
160 francesi
40 spagnoli
25 giapponesi
112 finisher dell’edizione 2011 alla partenza
29 finisher delle due precedenti edizioni alla partenza
24 anni: l’età del più giovane
73 anni: l’età del più anziano
Una curiosità: 300 è il numero di pettorale di Gianni Savoia, l’ultimo ad essere arrivato al traguardo nel 2011, proprio in 300esima posizione. Una coincidenza di sicuro buono auspicio!