Tor des Geants 2013 - primo giorno

Sonntag, 8 September, 2013 - 11:45
0 votes
+
Vote up!
-
Vote down!

PILLOLE DI TOR | DAY 1

LA PARTENZA DA COURMAYEUR E I PRIMI KM DI GARA

Al rifugio Deffeyes subito avanti Karrera, seguito da Collé e Le Saux.

Karrera, Collé e Le Saux, questo il terzetto al comando della gara, al passaggio del Rifugio Deffeyes (2.500 metri), dopo 26,7 km dalla partenza. Lo spagnolo Iker Karrera, favorito numero uno alla vittoria finale, esce quindi subito allo scoperto imponendo un ritmo elevato alla gara. Dietro di lui, a poca distanza il valdostano Franco Collé e il francese Christophe Le Saux che era transitato primo a la Thuile. Più staccati gli altri concorrenti come Gazzola, Voeffray, Perez e Brunot. La testa della corsa femminile vede prima l’italiana Sonia Glarey davanti a Francesca Canepa. Intanto è ufficiale il numero dei partecipanti al Tor des Geants 2013: sono 709 gli atleti che questa mattina sono partiti da Courmayeur. Le condizioni meteorologiche sono leggermente migliorate dopo un avvio sotto la pioggia battente. Tanta gente a seguire il Tor lungo il percorso.

Questa mattina una folla in festa per la partenza dei runner

La grande avventura del Tor è ufficialmente iniziata. Migliaia di persone, in piazza Brocherel, a Courmayeur, hanno salutato con grande entusiasmo la partenza della grande corsa, incuranti della pioggia, che poco dopo ha ceduto il passo a un timido sole. Un tripudio di colori ha accolto più di 700 atleti, tra striscioni, cartelloni e decine di bandierine di ogni Paese.

Ha inizio una grande sfida internazionale, capace di riunire tutto il mondo ai piedi delle Alpi. Il clima di festa ha contagiato abitanti, atleti, volontari, famiglie, turisti, tutti felici di augurare buon viaggio ai partenti. I bambini di Courmayeur, visibilmente emozionati, hanno salutato gli eroi del Tor in tutte le lingue, come per regalare un abbraccio collettivo a tutti i partenti.

Musica e applausi hanno scandito i minuti prima del via, anche grazie agli eccellenti speaker, che hanno dato vita ad uno spettacolo nello spettacolo. L’animazione trascinante ha coinvolto direttamente i top runner, gli atleti su cui sono puntati tutti i riflettori, coloro che potranno ambire al podio. I favoriti della gara si sono prestati ad una simpatica passerella, quasi un rito scaramantico prima della partenza, percorrendo un breve tratto tra gli applausi e le acclamazioni, uniti dal desiderio di partecipare tutti insieme a un grande viaggio attorno la Valle d’Aosta.

Assieme a tutti gli altri corridori, condivideranno un’esperienza di immersione totale nella natura, un’esplorazione dei propri limiti fisici e mentali. Un’avventura che tutti potremo seguire in diretta attraverso il sito ufficiale, i social dedicati, i blog, la web tv, le radio e tutti i numerosi canali di comunicazione che ci terranno in contatto con i nostri “giganti”. In bocca al lupo!

Ieri pomeriggio al Jardin de l’Ange tutta l’emozione della vigilia

Ieri pomeriggio Jardin de l’Ange traboccante di pubblico, atleti e giornalisti da tutto il mondo per la consegna ufficiale dei pettorale agli atleti Top del Tor des Geants 2013. Nel salotto di Courmayeur si è respirata l’atmosfera delle grandi occasioni e la tensione della vigilia di una gara temuta da tutti i concorrenti per la sua durezza. Volti tirati e bocche cucite tra gli atleti presenti. Poche le dichiarazioni rilasciate e zero pronostici.

Il campione spagnolo, Iker Karrera, indicato dai più come il favorito numero uno alla vittoria finale, non si è sbilanciato: “Tutti possono vincere questa gara che è imprevedibile. Fino all’ultimo metro bisognerà guardarsi alle spalle. Io sto bene, anche se sento tutta l’emozione della prima volta al Tor”. Chi invece conosce bene questa competizione è il suo connazionale,

Oscar Perez, che quest’anno deve difendere il titolo conquistato nel 2012: “Ripetersi è sempre difficile. Le condizioni meteorologiche potrebbero condizionare la gara soprattutto nella prima parte del percorso.”. Molto emozionato anche Bruno Brunod, campione mondiale nello skyrunning negli anni ’90, alla sua prima esperienza su questa lunga distanza.

Altro atleta valdostano favorito è Franco Collè che spera di migliorarsi rispetto allo scorso anno e di fare bella figura di fronte ai tanti amici che incontrerà lungo il percorso. Tra le donne Francesca Canepa, vincitrice nel 2012 confessa di sentire molto la pressione di questa gara: “Non amo essere la favorita perché non sono molto brava a gestire lo stress della vigilia. Spero di non avere problemi fisici”.

Il Tor des Géants® dà i numeri: carta d’identità della corsa
330 km (200 miglia)
24 000 m di dislivello positivo
150 h totali (7 giorni, 6 notti e 6 ore)
75h56 minuti il miglior tempo (Oscar Perez – 2012)
Oltre 600 i posti disponibili
7 basi vita
43 punti di rifornimento
33 comuni attraversati
25 colli a oltre 2000 metri di altitudine
14 rifugi alpini
30 laghi alpini
1 parco nazionale
1 parco regionale

Edizione 2013
742 iscritti
87 donne
44 wild card
42 nazioni coinvolte dai 5 continenti
12 nazioni alla prima partecipazione (Andorra; Finlandia; Madagascar; Malesia; Messico; Nuova Caledonia; Perù; Russia; Singapore; Slovacchia; Ungheria; Venezuela)
1500 volontari
_Audience
7.655 fan su Facebook
2.412 follower su Twitter
114.412 visualizzazioni totali su You Tube

ORGANIZZAZIONE TOR DES GEANTS®
VDA Trailers ssdrl - Courmayeur (AO)
Referente stampa - Marco Xausa : marco.xausa@gmail.com

UFFICIO STAMPA TOR DES GEANTS® _ OMNIA RELATIONS
OMNIA Factory _ T. + 39 051 6939166_6939129
OMNIA Lab _ T. + 39 051 261449
Silvia Basso, silvia.basso@omniarelations.com, M. +39 349 8689945
Alessandra Iozzia, alessandra.iozzia@omniarelations.com,
Marcello Pierdicchi, marcello.pierdicchi@omniarelations.com
www.omniarelations.com

Follow us! #Tor13