Bivacco Rivolta

gian's picture
gian
0 votes
+
Vote up!
-
Vote down!
Difficoltà: 
T2
Quota di partenza: 
1 950 m
Quota di arrivo: 
2 906 m
Dislivello: 
956 m
Tempo di salita o complessivo*: 
2h45'
Tempo di discesa: 
2h00'

Introduzione

Una splendida escursione in un angolo selvaggio della Valtournenche. La salita al Bivacco Rivolta e al vicino Col de Fort vi permetterà di godere di ottimi ed inconsueti panorami.

Descrizione

In corrispondenza del ponte che supera il torrente di Torgnon, emissario del lago di Loditor, si stacca il sentiero (8) per il bivacco Tzan. Nei primi metri occorre prestare attenzione perché l'acqua ha invaso la sede del sentiero trasformandolo in una piccola palude, ma non appena la pendenza aumenta il problema si risolve. Si entra in un rado lariceto e poco dopo si segue a destra il sentiero principale che sale; attenzione a non lasciarsi ingannare dalla traccia che sulla sinistra si inoltra nel bosco.
Uscendo dagli alberi si attraversa un ruscello e dopo una breve salita tra i pascoli si attraversa un solitario pianoro. Si passa vicino ad un vecchio alpeggio e si entra nuovamente all'ombra dei larici. Al termine della salita si percorre un piccolo vallone vedendo in lontananza, dall'altra parte della valle, un grande alpeggio e lasciati sulla sinistra i ruderi di una vecchia fornace di calce, ormai quasi ricoperti dalla vegetazione, si continua diritto fino ad arrivare la cartello del Tour des Grandes Montagnes che si segue in direzione Loditor. Poco dopo guardando in basso si vedono i ruderi imponenti dell'ospizio di Chevacour che serviva nel medioevo ad ospitare i viaggiatori che si dirigevano a Prarayer in Valpelline e poi in Svizzera passando dal Col Collon.
Si passa a monte dell'alpeggio di Château e ci si dirige lungo la strada sterrata che sale offrendo una bellissima vista sulla Punta Tsan. Arrivati all'incrocio con la pista che segue il canale di Verrayes si gira a destra e la si percorre oltrepassando poco dopo l'inizio del sentiero che porta al bivacco Tzan. Si prosegue in piano ai bordi di un bellissimo pianoro punteggiato da ginepri e rododendri. Si superano due ponti che attraversano i limpidi ruscelli alimentati dalle acque di fusione e in corrispondenza del primo si possono osservare le opere di captazione del canale di Verrayes (ru de Chavacour) che porta l'acqua attraverso il col des Bornes fino all'alpeggio Fontane nel comune omonimo. Al bivio successivo si prende la pista che sale sulla sinistra e che segue per un tratto la riva del torrentello, si giunge poi alla piazzola dove finisce la strada e si imbocca il sentiero che si inoltra zigzagando tra gli arbusti.
Poco più avanti, all'incrocio che si trova in corrispondenza di un ruscello, si prosegue in salita fino ad arrivare all'alpeggio della Grande Drayère dove si interseca il percorso dell'Alta Via 1 che dal bivacco Tzan porta alla finestra d'Ersa. Si continua a salire il costone seguendo le indicazioni per il Col de Fort, dopo una decina di minuti di ripide curve si sbuca in un pianoro dal quale si vede sulla destra in lontananza la costruzione a semibotte del Bivacco Tzan. Il sentiero inoltrandosi nella pietraia si fa a poco a poco meno definito mentre si aggiungono ai tratti di vernice gialla gli ometti segnavia. Si passa accanto ad un masso con riportato il segnavia (12) e si risale la valle con dolce pendenza lasciando sulla destra i massi di un'antica frana.
Ci si dirige sul fianco nord della valle e il sentiero si fa più ripido, guadagnando quota si possono osservare, alle spalle di chi sale, due piccoli laghi prima nascosti dai massi. Si attraversa una cascatella, e si risale il pendio tra sassi e sfasciumi fino a raggiungere una palina indicatrice rimasta senza cartello. Si segue la cresta in direzione di un ometto e poco dopo si arriva in vista del bivacco che si raggiunge dopo aver attraversato un piccolo nevaio che resiste fino a tarda estate.
Il Bivacco Rivolta, dotato di 10 posti letto con materassi e coperte, tavolo, gas e pentolame è il punto di partenza preferito per la salita alla Punta Tzan e alla parete est del Dôme de Tzan. Dal Col de Fort si ha una bellissima veduta del lago della Roisetta, il colle permette di entrare nel vallone di Cignana da una direzione inconsueta, ci si può dirigere o verso il rifugio Barmasse su sentiero segnalato oppure conoscendo bene la zona verso il rifugio Perucca su tracce di sentiero non segnalato.
La discesa avviene sullo stesso tracciato dell'andata.

Informazioni generali

Via:
Segnavia: -
Tipologia percorso: circolare
Periodo consigliato:
Pericolo Oggettivo:
Esposizione al sole:
Tratti esposti:

Riferimenti bibliografici

Accesso stradale

Galleria fotografica

Bivacco Rivolta: ci siamo stati!

Etirol: relazioni itinerari

  • Gilliarey

    massimo's picture
    massimo
  • Fenêtre d'Ersaz

    19/03/2003
    massimo's picture
    massimo
  • Bivacco Rivolta

    gian's picture
    gian

Torgnon: per saperne di più...