Bivacco Chentre-Bionaz, direttissima

gian's picture
gian
0 votes
+
Vote up!
-
Vote down!
Difficoltà: 
T3
Tempo di salita o complessivo*: 
3h00'
Tempo di discesa: 
2h00'

Introduzione

Bella passeggiata verso un bivacco che è per se stesso un'opera d'arte, all'interno ed in facciata si possono ammirare alcune opere dell'artista olandese Arjen Bakermans.

Descrizione

Dal parcheggio a bordo strada ci si avvia lungo la poderale che porta prima alle case di Ferrere poi alla frazione Puillay. Dopo aver attraversato il torrente si imbocca il sentiero che parte a fianco di una grande casa con il colmo datato 1844. Seguendo il segnavia (14) si prende quota nel vallone di Montagnayes poi al bivio si gira a sinistra e superato il colletto si entra nel vallone di Arbierès. Si passa a finco dei ruderi dell'alpe Praz de Dieu (2290 m) ed in breve si raggiunge il bivacco.

Chi desidera evitare i lunghi tratti quasi pianeggianti del sentiero 14 può percorrere la direttissima che sale nel bosco.

Attenzione:il tratto compreso tra le opere dell'ENEL ed il sentiero 14 nel vallone di Arbierès NON è segnalato, NON è tracciato e nella parte bassa è esposto. Una caduta all'inizio delle placche rocciose può avere conseguenze mortali.

A pochi minuti dalla casa ottocentesca si vedono sulla sinistra i bolli di vernice rossa che indicano l'inizio del sentiero che conduce alla presa dell'ENEL. Lo si percorre fino al grande terrazzo panoramico dal quale si accede alla galleria sotterranea che conduce le acque della diga di Bionaz alla centrale idroelettrica di Valpelline.
Consiglio a tutti di percorrere la corta deviazione sulla destra che porta all'interno del vallone: in pochi minuti si raggiunge l'opera di presa che pare quasi un'astronave o una base spaziale costruita sul fondo roccioso del torrente. Si ritorna al terrazzo, si supera l'entrata della galleria e ci si arrampica tra le placche rocciose risalendo il versante che si fa piano piano meno ripido. Consiglio di tenersi sulla sinistra, dove la vegetazione è meno intricata. All'uscita del bosco, nel pressi di un piccolo lago artificiale utilizzato un tempo per l'irrigazione ci si immette sul sentiero 14 che conduce al bivacco Chentre Bionaz.

Curiosità

La storia del bivacco è contenuta nel sito ufficiale: http://www.bivacco-valpelline.nl/

Autore

  • Consulta tutte le relazioni di escursionismo di Gian Mario Navillod
  • Consulta la pagina di [[Gian Mario Navillod]]

Bivacco Chentre-Bionaz: ci siamo stati!