Rifugio Dalmazzi

maurizio's picture
maurizio
0 votes
+
Vote up!
-
Vote down!
Difficoltà: 
T3
Quota di partenza: 
1 769 m
Quota di arrivo: 
2 584 m
Dislivello: 
815 m
Lunghezza*: 
8.00 km
Tempo di salita o complessivo*: 
2h30'
Tempo di discesa: 
2h00'

Introduzione

Escursione breve ma impegnativa. Il percorso è per la maggior parte del tempo piuttosto ripido: costringe anche alla vera e propria arrampicata, sia pure molto semplice; sul finale 30m di ferrata per superare un camino.

Descrizione

Si parcheggia ad Arnouva (1769m) poco prima del piazzale di manovra di capolinea della navetta della Val Ferret (se la strada della Val Ferret fosse chiusa al traffico giungere ad Arnouva con la navetta). Ci si incammina a piedi lungo la strada, ancora asfaltata per alcune centinaia di metri, poi essa diventa sterrata ed incomincia a salire in direzione del rifugio Elena (0h40'). Dopo un quarto d'ora circa, superato il bivio per il bivacco Comino, segnavia (22), si incrocia quello per il rifugio Dalmazzi, segnavia (23). Bisogna attraversare la Dora di Ferret. Un tempo c'era un ponte, ora ne resta solo un pilastrino, ma vi sono comunque due passerelle. Subito dopo inizia la vera e propria salita: una robusta pietraia dove già qualche volta si fa ricorso all'uso delle mani. Lungo tutto il percorso (soprattutto in discesa) bisogna fare ben attenzione a seguire i segnavia in vernice gialla, che per la verità sono sempre molto evidenti.
Superata la prima salita ripida inizia una lunga cresta dalla pendenza assai più moderata: si tratta di una morena glaciale lasciata dal ghiacciaio del Triolet in ritirata. Essa termina alla base di un conoide di sfasciume (1h30'), che ad inizio stagione potrebbe rivelarsi un nevaio. La salita del conoide è ripida ed insidiosa (lo è assai più la discesa) a causa del fondo costituito da pietre mescolate a molta terra e brecciolino, che rendono ogni passo a rischio di scivolamento. Ben presto si incontrano le prime placche rocciose, che si susseguono intervallate da pochi passi di sentiero. Sono state posizionate molte corde fisse che aiutano parecchio la salita e che sono fondamentali per la discesa. Ormai in vista del rifugio si deve aggirare uno spuntone roccioso lungo un sentiero in piano, ma ben esposto. Sul retro dello spuntone vi sono 30 metri di ferrata che risalgono un camino: si tratta di gradini in tondino di ferro piantati nella roccia ed accompagnati da una corda fissa. Usciti dal camino non vi sono ulteriori difficoltà e si raggiunge la meta in pochi minuti. Il rifugio, di proprietà del Cai di Torino, è custodito nei mesi estivi.
La discesa si effettua sullo stesso itinerario dell'andata.

Informazioni generali

Via:
Segnavia: -
Tipologia percorso: circolare
Periodo consigliato:
Pericolo Oggettivo:
Esposizione al sole:
Tratti esposti:
Acqua:

Riferimenti bibliografici

Accesso stradale

Galleria fotografica

Rifugio Dalmazzi: ci siamo stati!

#ai piedi del Bianco: relazioni itinerari

  • Aiguille des Angroniettes

    3/08/2012
    giancarloberetta's picture
    giancarloberetta
  • Col de la Seigne

    29/08/2010
    massimo's picture
    massimo
  • Aiguille d'Artanavaz

    benedetto's picture
    benedetto
  • Bivacco Comino

    18/06/2006
    massimo's picture
    massimo
  • Rifugio Bonatti

    massimo's picture
    massimo
  • Col de Malatra

    ivano_ruffoni's picture
    ivano_ruffoni
  • Mont Crammont

    15/08/2009
    Inuk's picture
    Inuk
  • Bivacco Rainetto

    massimo's picture
    massimo
  • Bivacco Hess

    9/08/2006
    massimo's picture
    massimo
  • Cabane du Trient

    mbuffa's picture
    mbuffa
  • Rifugio Elena

    vittorio's picture
    vittorio
  • Bivacchi Fiorio

    24/06/2005
    massimo's picture
    massimo

Pages

Courmayeur: per saperne di più...