Col Ranzola

massimo's picture
massimo
0 votes
+
Vote up!
-
Vote down!
Data rilievo: 
1/03/2015
Difficoltà: 
WT2
Quota di partenza: 
1 879 m
Quota di arrivo: 
2 170 m
Dislivello: 
291 m
Lunghezza*: 
6.26 km
Tempo di salita o complessivo*: 
1h15'
Tempo di discesa: 
1h00'

Introduzione

Breve escursione dal non eccessivo dislivello che offre ottime suggestioni panoramiche.

Descrizione

Lasciata l'auto nel parcheggio si prosegue lungo la stradina asfaltata che conduce a Pra Barmasc: dal parcheggio la strada ha il divieto di transito. Si cammina per circa 5 minuti sino a raggiungere, all'altezza delle baite di Murassaz (1890 m), una transenna e conseguentemente l'inizio del percorso con le ciaspole.
Indossate le ciaspole ci si avvia, seguendo la strada innevata, in direzione del Mont Ciosé (2664 m) per poi virare verso destra sino a raggiungere il conoide nevoso di una valanga: si oltrepassa questo passaggio "delicato" in condizioni di instabilità del manto nevoso e si prosegue puntando verso sud oltrepassando un canalone, anch'esso soggetto a caduta di valanghe. La strada raggiunge, infine, l'Alpe Praz-Barmasse (1927 m, 0h25'): da qui si può godere una bella vista sul Mont Nery, sul Mont Avic, sulla Tersiva e sul Mont Glacier.
All'altezza delle baite l'itinerario svolta verso sinistra e, confortati da una palina segnaletica semi seposta dalla neve, si punto decisamente verso l'insellatura del colle e la Punta Regina (2388 m). Si procede lungo la traccia che segue il dolce pendio tra i larici sparsi; un paio di tornanti permettono di guadagnare leggermente quota ed in seguito si attraversa un lungo tratto semipianeggiante. Lasciata sulla sinistra una piccola baita ristrutturata si raggiunge l'Alpe Fenêtre (2087 m, 0h55'): si trascura l'indicazione della palina e si risale il pendio lasciando sulla sinistra la prima baita; si risale il pendio sottostante il colle tenendosi sulla sinistra, dopo un primo tratto abbastanza dolce il percorso si inasprisce proprio in vista della cappella sconsacrata sita sull'insellatura: si raggiunge infine il Col Ranzola (2170 m, 1h15').
La discesa si effettua sullo stesso itinerario della salita.

Al Col Ranzola è presente una targa commemorativa a ricordo del poeta russo Tolstoy che varcò il colle nel lontano 1857.

Informazioni generali

Via:
Segnavia:
Tipologia percorso:
Periodo consigliato:
Esposizione al sole:
Pericolo Oggettivo:
Tratti esposti:
Attrezzatura utile:
Acqua:

Riferimenti bibliografici

  • Massimo Martini, Tracce Lievi, Saint-Vincent, Martini Multimedia Editore, 2007

Accesso stradale

Galleria fotografica

Col Ranzola: ci siamo stati!

  • Col Ranzola

    Col Ranzola

    1/03/2015
    massimo's picture
    massimo
  • Punta della Regina

    Punta della Regina

    17/06/2007
    massimo's picture
    massimo

#ciaspolare in Val d'Ayas: relazioni itinerari

  • Palon de Résy

    28/12/2014
    massimo's picture
    massimo
  • Punta Palasina

    14/12/2010
    giancarloberetta's picture
    giancarloberetta
  • Plan de Véraz

    27/12/2009
    massimo's picture
    massimo
  • Mont Facebelle

    giancarloberetta's picture
    giancarloberetta
  • Punta Valnera

    giancarloberetta's picture
    giancarloberetta
  • Rifugio Grand Tournalin

    giancarloberetta's picture
    giancarloberetta
  • Rifugio Arp

    massimo's picture
    massimo
  • Rifugio Ferraro

    massimo's picture
    massimo
  • Ru Courtaud

    massimo's picture
    massimo
  • Col Ranzola

    1/03/2015
    massimo's picture
    massimo

Brusson: per saperne di più...