Col Planaval

massimo's picture
massimo
1 vote
+
Vote up!
-
Vote down!
Difficoltà: 
F
Quota di partenza: 
1 630 m
Quota di arrivo: 
3 010 m
Dislivello: 
1 380 m
Tempo di salita o complessivo*: 
3h30'
Tempo di discesa: 
2h30'

Introduzione

L'ascensione del Col Planaval è stata considerata per molti anni, fino al 2002, un passaggio delicato dell'alta via : a causa dell'attraversamento di un ghiacciaio ed entrando di conseguenza nel mondo degli itinerari alpinistici, l'alta via è stata deviata. Nonostante ciò questa escursione rimane sempre piena di fascino, l'attraversamento di ambienti intatti e selvaggi e la salita finale del ghiacciaio la rendono sicuramente una meta di grande interesse.

Descrizione

Lasciata l'auto in una piccola piazzola nei pressi dell'ultimo tornante si percorre qualche decina di metri sulla strada asfaltata per poi incontrare sulla nostra destra l'indicazione che a sinistra parte il sentiero. Si imbocca un'ampia mulattiera segnalata come Alta Via , in effetti negli scorsi anni il Col Planaval risultava essere un passaggio del percorso in questione, dal 2002 invece tale tracciato è stato deviato verso il Lac du Fond; comunque il primo tratto si può considerare ancora come parte dell'Alta Via stessa.
Il sentiero prende rapidamente quota aprendo degli ottimi scorci sulla parte terminale della Valgrisenche, sulla Grande Sassière e sul sottostante villaggio di Planaval. Si lasciano le ultime latifoglie, tra le quali qualche ciliegio selvatico (Prunus avium), e ci si addentra in un bosco di larici non molto fitto; il sentiero attraversa in cengia alcuni tratti di pendio scosceso, a tratti vi sono delle ringhiere di protezione, e risale a mezza costa su un selciato evidente e parzialmente scalinato attorniato da macchie di Ginepro (Juniperus communis L.). Dopo circa 0h10' si passa sotto un bastione roccioso e superati alcuni tornanti si fa leggermente pianeggiante: in questo tratto si attraversano alcuni torrentelli, questo scenario si ripete alcune volte fino a raggiungere dopo circa 0h35' un tratto di bosco più rado in cui si incontrano i ruderi delle baite di Benevy (1950 m) immersi nella vegetazione. Poco dopo si apre la prateria, si lasciano sulla destra i resti di un'altra vecchia abitazione rurale, il sentiero si avvicina con una serie di tornanti ad un tratto roccioso, sulla nostra destra, raggiungendo dopo circa 0h50' una presa d'acqua. Si prosegue la salita lasciando sulla sinistra il rigoglioso torrente Planaval e gli ultimi arbusti di ontano, oltre che qualche larice sparso. Dopo 1h00' si raggiunge l'Alpe Glacier (2161 m) e poco dopo si incontra il bivio per Runaz b (2174 m): seguiremo comunque l'indicazione per il Col Planaval riportato a 3 ore di marcia. Dal pannello si attraversa un bellissimo tratto del vallone senza particolari pendenze in cui il torrente scorre placido: sicuramente un angolo poco conosciuto della Valle d'Aosta ma estremamente suggestivo.
Si prosegue la marcia nel vallone, dopo circa 1h10' si attraversa un piccolo ponticello in legno, si aggira un grosso masso e si riprende a salire sul comodo sentiero. In seguito il sentiero attraversa una radura paludosa dove il torrente serpeggia placido tra grossi massi: a pochi passi da noi osserviamo un gruppo di muli al pascolo. Poco più avanti dopo un minuscolo laghetto ai piedi di un promontorio roccioso il sentiero curva verso la nostra sinistra e ci appare sullo sfondo per la prima volta il Col Planaval. Aggirato il promontorio sopracitato si prosegue sino alle Baraques du Fond (2337 m, 1h30') sormontate da una pittoresca cascatella.
Superati gli alpeggi si incontra dopo pochi minuti il bivio per il Lac du Fond a a 0h15' di cammino (2438 m). Si prosegue sempre verso il Colle attraversando il torrente su di un passaggio facilitato da alcune pietre nel suo alveo e costeggiando la sua destra orografica; il tratto è pianeggiante e a tratti paludoso. Lentamente si risalgono le tracce di bestiame che portano su di una ampia cresta spartiacque: qui le mucche al pascolo ci fanno godere particolare suggestioni visive. Superato un lungo tratto pianeggiante si giunge all'attacco del colle: il sentiero muta struttura, da ampio e comodo incomincia a diventare più accidentato. Si incomincia a risalire la morena in direzione del Col Planaval; dopo un primo tratto di salita il sentiero spiana leggermente, qui si incontra una sorgente (2450 m ca), per poi riprendere a salire. Il tracciato non è più evidente ma con l'ausilio delle frecce gialle si riesce comunque a mantenere la rotta. Dopo circa 2h30' si aggira una grossa morena, la lasciamo sulla nostra destra, e ci si infila nel vallone che porta al colle. Ormai si è giunti nei pressi dell'attacco del colle: si attraversa un torrentello e ci si porta sulla sua sinistra orografica, si attraversa un tratto di rocce e detriti e finalmente si può vedere il tratto terminale dell'ascesa al colle. Si raggiunge la sommità della morena prima citata, durante il percorso si devono superare alcuni grossi massi, senza difficoltà, infine si attraversa un nevaio ed un piccolo torrentello formato dalle acque di fusione del ghiacciaio soprastante. Si raggiunge infine il ghiacciaio (2750 m), questo è il tratto più difficoltoso dell'intera escursione: si consiglia di mettere i ramponi anche se a volte sembra che la neve porti in quanto la pendenza della salita su ghiaccio è comunque non trascurabile.
Si affronta il ghiacciaio iniziando l'ascensione nella parte centrale per poi spostarsi sulla destra, dopo circa metà salita, mantendosi vicini alle roccette detritiche. Il ghiacciaio, pur essendosi ritirato sostanzialmente, presenta evidenti crepacci che consigliano di porre un adeguata attenzione nella sua salita. Giunti sul tratto culminante del Colle il tracciato si porta verso sinistra infilandosi nella depressione che prende appunto il nome di Col Planaval (3010 m, 3h30').

Informazioni generali

Via: normale da est
Segnavia: AV1, poi sn
Tipologia percorso: a/r
Periodo consigliato: luglio, agosto, settembre
Pericolo Oggettivo: scariche di sassi
Esposizione al sole: Nord-Est
Tratti esposti: nessuno
Attrezzatura: ramponi
Acqua: ruscelli

Riferimenti bibliografici

  • Luca Zavatta, Le valli del Gran Paradiso e la Valgrisenche, L'Escursionista Editore, Rimini, 2003
  • Valgrisenche, Val di Rhêmes, Carta dei sentieri foglio 3 1:25000, L'Escursionista Editore, Rimini, 2005

Accesso stradale

Dall'uscita del casello autostradale Autostrada A5 di Aosta Ovest si seguono le indicazioni per Courmayeur; dopo alcuni chilometri si raggiunge Arvier e si svolta a sinistra imboccando la strada regionale per Valgrisenche. Si risale la valle per circa 10 km fino a quando non si incontra la deviazione, sulla destra, per la località Planaval. Si superano le case di Planaval e si prosegue verso le frazioni di Baulin e Milliery; appena superato il villaggio di La Clusaz, incontriamo un tornante: appena dopo di esso si trova, sulla sinistra, la partenza del nostro sentiero.

Galleria fotografica

Col Planaval: ci siamo stati!

#alpinismo in Valgrisenche: relazioni itinerari

  • Col Planaval

    massimo's picture
    massimo

Avise: per saperne di più...