Pavia

0 votes
+
Vote up!
-
Vote down!
massimo's picture
massimo
Licenza Creative Commons: 
Creative Commons Licence

Scheda informativa

Superficie: 63,24 kmq
Altitudine: 77m
Maggior elevazione:
Numero abitanti: 72576
Nome in dialetto: Pəvia
Nome abitanti: pavesi
Santo Patrono: San Siro, Sant'Agostino, San Teodoro
Sito internet: www.comune.pavia.it
Webcam:
Comuni confinanti: Borgarello, Carbonara al Ticino, Certosa di Pavia, Cura Carpignano, Marcignago, San Genesio ed Uniti, San Martino Siccomario, Sant'Alessio con Vialone, Torre d'Isola, Travacò Siccomario, Valle Salimbene
Villaggi e frazioni: Albertario, Cà della Terra, Cà de' Tedioli, Cantugno, Cassinino, Cittadella, Fossarmato, Mirabello, Molinazzo, Montebellino, Pantaleona, Villalunga

Descrizione

Fondata più di duemila anni fa, Pavia è da sem­pre stata al centro della vita culturale e religiosa della valle padana. La ricchezza del suo patri­monio storico, artistico e monumentale è tale da non potersi esaurire in queste poche righe, che vogliono perciò essere solo un'anticipazione per chi intende visitare la città dopo (o prima) aver visitato la Certosa di Pavia.
Ecco allora che una pas­seggiata in centro storico non può che iniziare da uno degli edifici di mag­gior richiamo: il Castello Visconteo. Fatto edificare da Galeazzo II Visconti, padre di Gian Galeazzo al quale si deve a sua vol­ta proprio la costruzione della Certosa di Pavia, il Castello fu raffinata residenza di corte della famiglia Visconti prima e degli Sforza dopo. Di proprietà del Comune di Pavia, oggi è sede dei Musei Civici. E si deve ancora alla vo­lontà di Gian Galeazzo Visconti la costruzio­ne della chiesa di Santa Maria del Carmine, la più vasta della città e uno degli esempi più belli del gotico lombardo. Il rinascimentale Duo­mo fu edificato invece a partire dal 1488 grazie all'aiuto del cardinale Ascanio Sforza, fratello di Ludovico il Moro, e al progetto dell'architetto Bramante, cui si affiancò il parere tecnico di Leo­nardo da Vinci. Nel XIX secolo fu realizzata la cu­pola, terza per dimensio­ni in Italia. Un altro monumento dalla suggestione storica e religiosa è la basilica romanica di San Pietro in Ciel d'Oro, che conserva le spoglie di Sant'Ago­sti no, quelle del re lon­gobardo Liutprando, che qui fece traslare il Santo nel VIII secolo, e le spo­glie del filosofo Severino Boezio. Capolavoro dell'architet­tura romanica lombarda è la basilica di San Miche­le 1aggiore, dove venne incoronato nel 1155 Fe­derico I il Barbarossa. Simbolo della città ri­mane comunque il Pon­te coperto, che collega il centro storico al caratte­ristico Borgo Ticino.

Pavia: per saperne di più...

Pavia, sul magazine!