Bec d'Ovaga

Portrait de maria grazia s
maria grazia s
0 vote
+
Vote up!
-
Vote down!
Difficoltà: 
T2
Quota di partenza: 
809 m
Quota di arrivo: 
1 640 m
Dislivello: 
831 m
Tempo di salita o complessivo*: 
2h15'
Tempo di discesa: 
1h15'

Introduzione

Il Bec d'Ovaga o Res è una bella vetta all'inizio della Valsesia. E' un punto panoramico eccezionale sulla Est del Monte Rosa e sulla pianura Vercellese e Novarese. La cima, con il rifugio Spanna appena sotto, si vede in alto a sinistra fin dalla strada che porta a Varallo; è una escursione a quota non molto elevata, per questo motivo ottima meta invernale quando più in alto c'è neve. Il rifugio Spanna è gestito dalla sezione di Varallo dell'Associazione Nazionale Alpini.

Descrizione

Lasciata l'auto (809m), incamminarsi lungo la pista che attraversa ripida il bosco, fino a raggiungere la sterrata, che si segue tra i faggi fino all'Alpe Campo, dove finisce (1070m, 0h50'). Si imbocca il sentiero [605], che sale nel bosco, ha un tratto con bei gradini scavati nella pietra, arriva alla cappelletta dell'alpe Pastore. Poco dopo la cappelletta, per terra, un segnavia indica a destra un sentiero alternativo per la discesa, da prendere al rientro; si prosegue la salita a tornanti nel bosco, mentre sopra di noi si vede sempre meglio il rifugio; il sentiero si fa più erto, esce dal bosco, e in breve arriva sotto il muraglione del rifugio Spanna e di fronte alla cappellina (1600m, 2h00'). Dietro il rifugio (prestare attenzione in caso di neve o ghiaccio), un sentierino ripido e un po' esposto raggiunge in 10 minuti la cima del Bec d'Ovaga, a 1640 metri, con il suo panorama fantastico. Scesi di nuovo al rifugio, ripercorrere il percorso di salita fino al bivio dove avevamo notato il segnavia, prima della cappellina, e deviare a sinistra; il sentiero sale e scende, marcato di fresco, spostandosi quasi orizzontalmente per un bel tratto, poi si infila in uno splendido bosco di faggi, e si segue in discesa senza fatica camminando in più di mezzo metro di foglie leggerissime; una volta servivano anche per fare i materassi, le valligiane le raccoglievano facendo attenzione che fossero pulitissime e le vendevano per questo scopo; da bimba a casa dei nonni ho dormito anch'io su uno di questi pagliericci, nel lettino; unico inconveniente: quando mi rigiravo le foglie frusciavano e mi svegliavo... Dopo una lunga discesa nel bosco, finalmente gli alberi si diradano e si arriva ai prati dell'alpe Casavei. In mezzo ai prati, la cappella dei Poveri; attraversiamo i prati verso destra, ci portiamo sullo sterrato, e in breve torniamo all'auto (1h15').

Informazioni generali

Via:
Segnavia:
Tipologia percorso:
Periodo consigliato:
Esposizione al sole:
Pericolo Oggettivo:
Tratti esposti:
Attrezzatura utile:
Acqua:

Riferimenti bibliografici

  •  

Accesso stradale

Percorrere l'autostrada A26 ed uscire al casello di Romagnano Sesia - Ghemme; proseguire sulla SS299 in direzione di Biella; oltrepassato Romagnano Sesia e il ponte sul Sesia, alla rotonda dopo il ponte girare a destra e seguire le indicazioni Doccio, Crevola, Parone, lungo la strada che costeggia il Sesia alla sua destra orografica, fino a raggiungere Crevola. Oltrepassare Le Piane e raggiungere l'Alpe Casavei, dove si parcheggia lungo la strada.

Galleria fotografica

Bec d'Ovaga: ci siamo stati!

#escursioni in Valsesia: relazioni itinerari

  • Valle Otro

    Portrait de maria grazia s
    maria grazia s
  • Bec d'Ovaga

    Portrait de maria grazia s
    maria grazia s
  • Monte Fenera

    Portrait de sentierando
    sentierando

Varallo: per saperne di più...