Nivolastro

Portrait de ivano_ruffoni
ivano_ruffoni
0 vote
+
Vote up!
-
Vote down!
Quota di partenza: 
940 m
Quota di arrivo: 
1 423 m
Dislivello: 
483 m
Tempo di salita o complessivo*: 
1h30'
Tempo di discesa: 
1h15'

Introduzione

Una breve passeggiata fra boschi che conduce alla borgata, ormai disabitata, di Nivolastro. Durante l'itinerario si incrociano parecchi piloni votivi, spesso costruiti per grazie particolari ricevute, altre volte eretti alla Madonna o ai Santi affinché proteggessero dagli eventi naturali.
In un recente censimento, eseguito nel 1990 dall'associazione studi ricerche franco-provenzali EFFEPI, si riporta che il numero di piloni votivi nell'area compresa nei comuni di Valprato Soana, Ronco Canavese, Ingria e Frassinetto è pari a 146.

Molti di questi piloni invitano i viandanti a fare una "poza", liberandosi cioè del peso che si stava trasportando per rivolgere una preghiera alla Madonna o ai Santi ivi affrescati.

Descrizione

Dal parcheggio risalire la strada che sale dietro al soggiorno per anziani "San Giuseppe" seguendo le indicazioni per "Nivolastro". In breve si giunge ad un ponte sul torrente e si risale la mulattiera lastricata che costeggia la sinistra orografica del ruscello. Dopo aver raggirato un bastione roccioso, per svolte ripide si giunge ad un bel punto panoramico, chiamato "Mont del Trasi", dal quale è visibile il fondovalle. Si procede nel bosco, con percorso monotono e faticoso, incontrando alcuni piloni votivi doppi a porticato, precisamente nelle località chiamate "Mont del Trazi", "Labrenva", "Freiet" e "Li bui", dove sono affrescati il Cristo, la B.V. Maria, San Grato, San Besso, etc.
Più su, ormai in prossimità di Nivolastro, si incrociano tre abbeveratoi per gli animali. Si passa sotto l'ultimo pilone votivo a porticato e, quasi in piano, si giunge alla chiesetta, dedicata a San Grato, di Nivolastro, ottimo punto di osservazione del panorama circostante.
Conviene ora camminare fra le case di Nivolastro (1423m) per scoprire come doveva essere la vita in questi borghi sperduti.
Per la discesa, come alternativa al percorso di salita già effettuato, si suggerisce di portarsi in prossimità dell'ultima casa in alto a destra di Nivolastro. Si percorre un sentiero, quasi piano, fino ad incrociare, sulla destra, una ripida traccia che scende, all'inizio a svolte, nel bosco di larici, faggi ed aceri. Si giunge ad un ponte in legno e subito dopo si è nella borgata di Chiapetto (1140m).
Lungo la strada asfaltata si raggiunge la strada provinciale e, seguendola, passando accanto alle borgate di Zurlera, Scandosio, Chio e Cernisio, si giunge a Ronco Canavese.

Autore

  • Consulta tutte le relazioni di escursionismo di Ivano Ruffoni
  • Consulta la pagina di [[Ivano Ruffoni]]

Bibliografia

  • Giulio Berutto, Il Parco Nazionale del Gran Paradiso, Torino, 2000

Cartografia

  • [[Carta della Val Soana]], Alpi Canavesane 1:20.000 foglio 05, Mu Edizioni, Mercenasco, 2009
  • IGC, Foglio 101 Gran Paradiso La Grivola Cogne, 1:25000, Torino
  • IGC, Foglio 3 Il Parco Nazionale del Gran Paradiso, 1:50000, Torino