Mongioia

Portrait de Rita
Rita
0 vote
+
Vote up!
-
Vote down!
Difficoltà: 
T3
Quota di partenza: 
1 840 m
Quota di arrivo: 
3 340 m
Dislivello: 
1 460 m
Lunghezza*: 
17.00 km
Tempo di salita o complessivo*: 
4h30'
Tempo di discesa: 
3h30'

Introduzione

Già dalla partenza si gode di un magnifico scenario sull’alta valle del Bellino, sulla cui testata troneggia il Pelvo di Ciabrera. E’ bene iniziare l’escursione di mattina presto, sia per ammirare i magnifici colori della montagna, sia perché il percorso ha uno sviluppo piuttosto importante.

Descrizione

Dal parcheggio seguire la mulattiera sassosa che tra i pascoli porta ad un bivio che a sinistra conduce a Pian Ceiol e a destra verso il passo di Fiutrusa e Monte Mongioia. Prendere il sentiero di destra che porta in breve alla Grange Crouset (2020m) posta sotto la Rocca Senghi e continuare a mezza costa fino a quando il sentiero scende per attraversare il Torrente Varaita di Rui su un ponticello di legno. Da qui inizia una salita faticosa che a zig zag raggiunge alcune baite. Il percorso si svolge sulla sponda destra idrografica del Vallone di Rui e dell’omonimo torrente fino alla segnaletica posta su un sasso che indica a destra la via per il passo di Fiutrusa e a sinistra quella per il Monte Mongioia e il Bivacco Boerio. Si rimonta quindi il pendio erboso fino a salirlo nei pressi di un corso d’acqua e di una cascata che si supera per una ripida china. In testa alla cascata si incontrano prati fioriti poco inclinati, superati i quali ci si sposta verso destra fino a raggiungere una seconda conca. Si volge a sinistra sotto pareti rocciose ed una pietraia fino ad un’altra bella conca dove si incontra un piccolo lago ricco di eriofori. Si prosegue per una scarpata sopra la quale è il Col de Rubren (3053m) e, seguendo la dorsale di confine in direzione nord, si arriva al Passo di Mongioia (3083m) da cui è possibile ammirare il lago di Mongioia e il bellissimo bivacco Boerio, costruito nelle vicinanze. Si lascia il lago sulla destra lungo la dorsale seguendo i bolli rossi. Ci si sposta a destra verso alcune pareti rocciose seguendo una lunga diagonale sotto la cresta sud del Mongioia. Sotto la vetta è necessario superare due rocce a gradoni un po’ esposte ma complessivamente facili fino ad arrivare alla croce di vetta.
La discesa si svolge lungo l’itinerario di salita.

Informazioni generali

Via: da Sant'Anna di Bellino
Segnavia: U26
Tipologia percorso: a/r
Periodo consigliato: luglio, agosto, settembre
Pericolo Oggettivo: passaggi sdrucciolevoli
Esposizione al sole: sud
Tratti esposti: sotto la cima
Acqua: eventualmente agli alpeggi, ma è bene rifornirsi prima di partire

Riferimenti bibliografici

Accesso stradale

Autostrada A6 Torino-Savona, uscita Marene-Bra. Prendere SP662 per Savigliano e alla rotonda svoltare a sinistra per Costigliole Saluzzo. Seguire indicazioni per la Valle Varaita (SP8) e percorrerla fino all’abitato di Casteldelfino. Rimanendo sulla provinciale, appena prima di un tornante svoltare al sinistra per la valle di Bellino. Percorrerla fino all’abitato di Sant'Anna (1840m) dove finisce la strada carrabile. E’ possibile parcheggiare nei pressi di una chiesetta oppure, proseguendo di qualche centinaio di metri, appena dopo il ponte sul torrente Varaita.

Galleria fotografica

Mongiòia: ci siamo stati!

#escursioni in Val Varaita: per saperne di più...

Bellino: per saperne di più...