Monte Trubbio

Portrait de giancarloberetta
giancarloberetta
0 vote
+
Vote up!
-
Vote down!
Difficoltà: 
WT2
Quota di partenza: 
890 m
Quota di arrivo: 
2 078 m
Dislivello: 
1 188 m
Lunghezza*: 
12.77 km
Tempo di salita o complessivo*: 
3h00'
Tempo di discesa: 
2h30'

Introduzione

Craveggia è la perla architettonica della Valle e il centro di Craveggia costituisce un vero e proprio museo all’aperto con case signorili, decorazioni e affreschi ne costituiscono la peculiarità: il tutto è frutto di una fortunata emigrazione: il famoso tesoro conservato in chiesa, che comprende pissidi, croci, paramenti sacri, il manto funebre di Luigi XIV e il quello nuziale di Maria Antonietta, ne è testimonianza.
L’escursione, anch’essa bella e remunerativa, col suo percorso ci consente di attraversare i belli e panoramici alpeggi di Craveggia e le numerose baite disseminate lungo il tracciato ma conviene effettuarla quando la pista da sci, nella parte terminale, è ancora chiusa in modo da godere appieno del candore e del silenzio tipici dell’inverno in montagna.

Descrizione

Giunti alle paline poste alla partenza dell’itinerario si deve seguire l’indicazione per la Colma di Craveggia e si sale per la stradina, dapprima asfaltata, che con comodi tornanti si addentra nel bosco. Continuando la salita si incontra un bivio al quale si tiene la direzione di sinistra, si passa accanto ad una piccola cappelletta e, non volendo proseguire per la poderale si può salire per il sentiero, quando visibile, e che comunque, tagliando intuitivamente i numerosi tornanti, ci permette di raggiungere in minor tempo la panoramica alpe Fontana (1160m). La si attraversa per abbandonare temporaneamente la strada e, stando un po’ sulla destra delle baite,si sale senza percorso obbligato verso Nord per gli assolati pendii innevati: il percorso si sviluppa infatti completamente esposto a Sud e passa accanto a baite e piccoli alpeggi che, a mano a mano che si sale, diventano. uno più panoramico dell’altro. Innalzandosi con percorso che alterna dolci pendenze a brevi strappi più ripidi e passando al margine del bosco che si fa sempre più rado, si raggiunge ancora la poderale che si percorre per pochi tornanti ed arrivare così poco sopra le baite della Colma di Craveggia (1635m) per raggiungere un alto ed evidente crocifisso ligneo nel pressi del quale si trovano delle paline segnaletiche. Da questo punto si ha ben visibile davanti a noi la nostra meta alla quale ci si avvicina passando poco sopra una serie di piccole baite e, deviando sulla sinistra per contornare in leggera salita nel bosco un promontorio, si arriva nella parte alta del vallone. Da questo punto, appena sopra le baite dell’alpe Pidella, non conviene risalire la punta alla nostra sinistra per fare la dorsale (perché poi bisognerebbe ridiscendere ad un successivo colletto) ma raggiungere, traversando in salita nel bosco, il punto più basso sotto il colletto e da qui, salendo a fatica per un canalino breve ma molto ripido, raggiungerlo. Ora davanti a noi abbiamo la dorsale, anche questa ripida, che si rimonta senza percorso obbligato passando sotto la seggiovia e raggiungendo in diretta l’evidente cima dove si trova una bella cappelletta. Il punto è molto panoramico sulle cime della Valle Antigorio e Vigezzo: lo Ziccher, il Gridone la Pioda di Crana e la Scheggia. Più lontano il panorama verso ovest ci consente di vedere l’himalayana parete est del Rosa. La discesa si può effettuare per l’itinerario di salita o, in alternativa si può scendere direttamente dall’arrivo della seggiovia sino alla traccia della strada e da questa al colletto e al canalino. Poi conviene deviare leggermente a sinistra per passare dalla Colma, dove c’è il ben tenuto oratorio di San Rocco, ed in seguito ancora giù passando per i prati coperti di neve e per le belle baite sino ad incrociare di nuovo la strada poderale.

Informazioni generali

Via:
Segnavia:
Tipologia percorso:
Periodo consigliato:
Esposizione al sole:
Pericolo Oggettivo:
Tratti esposti:
Attrezzatura utile:
Acqua:

Riferimenti bibliografici

  •  

Accesso stradale

Galleria fotografica

Monte Trubbio: ci siamo stati!

#ciaspolare in Val d'Ossola: relazioni itinerari

  • Monte Ziccher

    12/02/2012
    Portrait de giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Cima Lariè

    20/11/2011
    Portrait de giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Crampiolo

    13/02/2010
    Portrait de massimo
    massimo
  • La Cima

    16/01/2010
    Portrait de giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Passo di Monscera

    7/01/2010
    Portrait de giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Moncucco

    17/12/2009
    Portrait de giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Monte del Sangiatto

    Portrait de giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Aleccio

    15/02/2009
    Portrait de giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Deccia

    Portrait de giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Rifugio Margaroli

    18/01/2009
    Portrait de giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Monte Trubbio

    Portrait de giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Monte Cazzola

    Portrait de giancarloberetta
    giancarloberetta

Pages

Craveggia: per saperne di più...