Tête de Cou

Portrait de massimo
massimo
0 vote
+
Vote up!
-
Vote down!
Difficoltà: 
T2
Quota di partenza: 
594 m
Quota di arrivo: 
1 410 m
Dislivello: 
816 m
Lunghezza*: 
10.80 km
Tempo di salita o complessivo*: 
2h30'
Tempo di discesa: 
1h30'

Introduzione

Posizionata all'ingresso della Valle d'Aosta, la Tête de Cou si erge sulle strette gorge di Bard. L'itinerario qui proposto permette di assaporare natura, storia e spirito: dai bellissimi boschi di castagno e faggio lungo gli itinerari militari che nel XIX secolo servivano a fronteggiare l'avanzata napoleonica, al silenzioso santuario di Machaby dedicato alla Madonna delle Nevi.

Descrizione

Si ridiscende la strada sino ad incontrare una palina segnaletica riportante il sentiero (4): qui si svolta a sinistra e si imbocca l'ampia mulattiera lastricata che conduce a Machaby. Si incontra subito un "tzapelet" (antico oratorio con affreschi usato nelle processioni) e si prosegue superando un torrente su di un ampio ponte in legno. Si prosegue lungo la stradina lastricata entrando nel bosco di castagno (Castanea sativa), dopo una svolta a destra si prosegue per qualche minuto sino a raggiungere il Santuario di Machaby (691m, 0h15'): l'eduificio, eretto nel XV secolo è dedicato alla Madonna delle Nevi con festa annuale ogni 5 agosto.
Si prosegue lungo la stradina ed in pochi minuti si raggiunge, nei pressi di un altro oratorio, la località detta "Pradouegne" (ampio pianoro sotto castagni secolari) e al villaggio di Machaby: è consigliata una breve visita al villaggio per osservare i caratteristici Dzerby.
Ritornati a Pradouegne si può approfitare di una pausa eno-gastronomica all'agriturismo "Lo Dzerby" di Cesarino Bonin per poi proseguire il percorso verso i resti della fortificazione del Tenente Lucini (717m, 0h25'). Poco dopo il ricovero si incontra il bivio per discendere verso Bard: attualmente tale sentiero è chiuso da un'ordinanza del sindaco di Arnad per rischio frane. Si procede lungo la comoda strada che con una serie di tornanti si addentra nuovamente nel bosco; ogni tanto si aprono scorci panoramici, soprattutto sul non lontano Paretone, culla del free-climbing valdostano. Lentamente si raggiunge una piccola radura dove sono presenti i resti di altre fortificazioni militari su di un pianoro nel quale sorgeva il villaggio di Arbeadze (824m, 0h50'). Qui si abbandona la stradina e si inizia a procedere lungo la bellissima mulattiera lastricata. Lungo la salita si incontrano ancora un paio di casolari ristrutturati per poi entrare nuovamente nel bosco di castagno. Dopo alcuni tornanti si incontra un bivio (899m, 1h05'): una flebile traccia di sentiero diparte sulla destra di un tornante per raggiungere la base del famoso Pilastro Lomasti. Ovviamente si trascura questa deviazione e si procede ancora all'interno del bosco ove la mulattiera compone una serie infinita di svolte, sempre sorretta da impeccabili muri a secco. Superati i mille metri il castagno lascia posto al faggio (Fagus sylvatica) e alla betulla e, poco dopo, la mulattiera lascia il passo ad una stradina erbosa. Lentamente ci si avvicina al colle e la vegetazione si dirada sino a raggiungere l'ampia radura che precede il villaggio di La Cou. Si supera un piccolo fontanile in legno e si raggiunge infine La Cou (1379m, 2h20'). All'altezza di una casa ristrutturata si svolta a destra e si percorre un sentierino che, con una serie di saliscendi, raggiunge infine la nostra meta: la Tête de Cou (1410m, 2h30')
Dalla cima si può godere di interessanti scorci panoramici sull'alto Canavese, la bassa valle e tutto il corollario montuoso dal Bec Renon al lontano Grand Combin.
Il ritorno avviene per la medesima via dell'andata (1h30').

Il santuario non sempre è aperto al pubblico a causa dei numerosi furti avvenuti nel corso degli anni e si può visitare in occasione dei riti religiosi (il 5 agosto festa patronale con processione e messa). All'interno le pareti e le volte sono affrescate e ricoperte da stampelle e bastoni ex-voto. All'esterno si può percorrere un Rosario seguendo i dipinti nelle nicchie in pietra.

Informazioni generali

Via:
Segnavia:
Tipologia percorso:
Periodo consigliato:
Esposizione al sole:
Pericolo Oggettivo:
Tratti esposti:
Attrezzatura utile:
Acqua:

Riferimenti bibliografici

  •  

Accesso stradale

Galleria fotografica

Tête de Cou: ci siamo stati!

  • Tête de Cou

    6/04/2015
    Portrait de massimo
    massimo
  • Tête de Cou

    Tête de Cou

    16/11/2005
    Portrait de massimo
    massimo

#escursioni in bassa Valle d'Aosta: relazioni itinerari

  • Miniera di Hérin

    5/10/2016
    Portrait de massimo
    massimo
  • Rifugio Bonze

    16/07/2016
    Portrait de locontim
    locontim
  • Col de la Cou

    1/05/2011
    Portrait de massimo
    massimo
  • Truc Chaveran

    4/05/2014
    Portrait de massimo
    massimo
  • Aveuil

    23/05/2010
    Portrait de massimo
    massimo
  • Verale

    9/05/2010
    Portrait de massimo
    massimo
  • Alpe Seura

    9/05/2008
    Portrait de maria grazia s
    maria grazia s
  • I Pian

    Portrait de massimo
    massimo
  • Pioule

    Portrait de maria grazia s
    maria grazia s
  • Barma di Ban

    Portrait de gian
    gian
  • Tête de Cou

    Portrait de massimo
    massimo
  • Croix de Saint-Gilles

    Portrait de massimo
    massimo

Pages

Arnad: per saperne di più...