Alpeggi della Muanda

Portrait de maria grazia s
maria grazia s
0 vote
+
Vote up!
-
Vote down!
Difficoltà: 
T2
Quota di partenza: 
1 180 m
Quota di arrivo: 
1 484 m
Dislivello: 
304 m
Tempo di salita o complessivo*: 
2h30'
Tempo di discesa: 
1h00'

Descrizione

Parcheggiata l'auto in prossimità di uno sterrato (1180m), imboccarlo, salire fino alla zona dei ripetitori, e seguirlo verso nord, tra la pineta, alla vostra destra, e un muretto a secco, a sinistra. Al di là del muretto incomincia lo spettacolo della fioritura; proseguire verso nord, innestandosi nel sentiero [D2], passando di fianco a tutta una serie di alpeggi, il Casinet (1284m), la Sgnora, (1323m), e per ultima la Dama (1423m). Si sale dietro questa cascina e si prende nel sentiero [D34] che attraversa verso ovest i pendii della Muanda, arrivando all'Alpetto Superiore (1484m); quest'ultimo è servito da una poderale, che si imbocca in discesa, il nostro sentiero è adesso il [D41], scende all'Alpetto di Mezzo, e poi parte per tracce tra i prati e parte per interpoderale, arriva in prossimità dell'Alpetto Inferiore e delle magnifiche fioriture di narcisi di questa zona. Nell'attraversamento tra la Dama e l'Alpetto superiore, se il cielo è terso, si vedono le risaie allagate da poco, la chiesa di San Gaudenzio di Novara, i due coni della dismessa centrale nucleare di Trino, la collina di Superga, il Monviso. Scendere lungo la strada che è in parte asfaltata fino al tracciolino, e seguirlo a sinistra fino a recuperare l'auto (un paio di km a piedi, per il giro totale 2h30').

Bibliografia

  • Sentieri del Biellese - Fulvio Chiorino - 1976 - seconda edizione 1989

Cartografia

  • Il Biellese Nord Occidentale, Carta dei sentieri 1:25000, foglio 2, Provincia di Biella, 2004

 

Pollone: per saperne di più...