Vallone di Seyvaz

Portrait de giancarloberetta
giancarloberetta
0 vote
+
Vote up!
-
Vote down!
Data rilievo: 
24/11/2010
Difficoltà: 
WT2
Quota di partenza: 
1 971 m
Quota di arrivo: 
2 808 m
Dislivello: 
793 m
Lunghezza*: 
11.73 km
Tempo di salita o complessivo*: 
4h00'
Tempo di discesa: 
2h00'

Introduzione

 

Descrizione

Dal casotto situato all'ingresso della pista di fondo ci si incammina verso destra seguendo le indicazioni della pista riservata a pedoni e scialpinisti che taglia in un paio di punti il tracciato del fondo per dirigersi verso il rado bosco. Ci si tiene alla destra (sinistra idrografica) del torrente Savara e si cammina per un tratto prevalentemente pianeggiante con qualche saliscendi per superare od aggirare i massi che, numerosi, sono disseminati nei pressi delle sue sponde; superato il rado bosco si rimane non molto distanti dal torrente ad una decina di metri al di sopra di esso e con percorso ondulatorio ci si alza leggermente di quota passando accanto al rudere diroccato di Grand Etret (2178 m) e si prosegue per un tratto quasi pianeggiante sempre disseminato di massi. Poco dopo il rudere conviene spostarsi dall'altro lato del vallone, superando il torrente, per rimanere fuori il più possibile da eventuali scariche che si staccano dalle pendici del Mont Giantsanaz e dalla costiera del Mont de Seyvaz continuando ora con una salita che inizia ad essere costante e, con qualche strappo un po' più ripido, si superano alcuni dossi per portarsi nella parte alta del vallone. Puntando ad una strozzatura ci si indirizza verso la propaggini più basse del ghiacciaio del Grand Etret, che si trova alla testata del vallone, caratterizzate da grosse gobbe e qualche buco per altro facilmente individuabile; passando alla destra della parte centrale si rimonta faticosamente ancora qualche risalto e poi, riguadagnato il centro con qualche traverso, si sale zigzagando arrivando in breve al plateau superiore. In discesa si può contornare il piccolo bacino glaciale scendendo per poco sulle tracce di salita e , arrivati ai risalti sottostanti, spostarsi verso destra per scendere da un invitante canale che con qualche zog zag ci fa abbassare velocemente di quota riportandoci verso le sottostanti e ben visibili tracce della salita.

Informazioni generali

Via:
Segnavia:
Tipologia percorso:
Periodo consigliato:
Esposizione al sole:
Pericolo Oggettivo:
Tratti esposti:
Attrezzatura utile:
Acqua:

Riferimenti bibliografici

  •  

Accesso stradale

Galleria fotografica

 

Vallon de Seyvaz: ci siamo stati!

#ciaspolare in Valsavarenche: relazioni itinerari

  • Vallone di Seyvaz

    24/11/2010
    Portrait de giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Maisoncles

    1/02/2004
    Portrait de massimo
    massimo

Valsavarenche: per saperne di più...