Una pascolata in val di Muggio

Portrait de UpTheHill
UpTheHill
0 vote
+
Vote up!
-
Vote down!
Data rilievo: 
5/04/2010
Quota di partenza: 
619 m
Quota di arrivo: 
619 m
Dislivello: 
900 m
Tempo di salita o complessivo*: 
3h30'
Tempo di discesa: 
2h15'

Dunque, l'escursione prevedeva di partire da Casima, arrivare a Tür, salire a Pianspessa, girare fino a Muggiasca, scendere a Muggio, continuare a Cabbio, passare il ponte e risalire a Casima... Solo che il capogita ha fatto un errore madornale...

Ci ritroviamo in otto: Rita, Pinuccia, Danila, Piera, Alberto, Pierfranco, Enrico ed il sottoscritto, assieme a tre cani a Casima alle 9:30. Passiamo il paese, e arrivati al cimitero, su insistenza del capogita (sempre il sottoscritto) passiamo alla sua sinistra. Errore. Errore, errore, errore... Enrico conosce la zona, c'è già stato, fa giustamente le sue osservazioni, ma continuo imperterrito: ho guardato la cartina, e a memoria mi ricordo che dobbiamo salire tenendo il costone a sinistra.

Il sentiero in effetti sale, ma scompaiono quasi completamente le marche: ne troviamo unicamente alcune gialle, e nessuna indicazione (cartello o altro). Due o tre bivii, prendiamo sempre la sinistra. Il sentiero si fa sempre più esile, quasi una traccia. Il terreno è molle e pantanoso per la pioggia di due giorni, tende a franare, e la scarpata è abbastanza ripida... Continuiamo a salire, passiamo un primo rivo, il sentiero dall'altra parte quasi scompare, ed occorre un gioco da equilibristi per percorrere i primi 50 metri. Avanti, sempre avanti. Arriviamo ad un secondo corso d'acqua. L'altimetro di Alberto marca circa Q900. Finalmente inizio ad essere colto da qualche dubbio... Passo da solo il fiumiciattolo, abbastanza ingrossato, e dall'altra parte il sentiero c'è e non c'è, per di più diversi alberi caduti rendono estremamente difficile il passaggio. La truppa mormora, non è da continuare in quelle condizioni. Ok, mi arrendo, ho fatto una cavolata. Dietro-front e avanti marsch.

Scendiamo per la stessa via, con grande sollievo di tutti, per arrivare nuovamente a circa Q650 (praticamente l'altezza dalla quale siamo partiti) e finalmente troviamo la traccia ufficiale, che porta verso Tür. Da qui l'escursione procede senza grandi intoppi. Arriviamo a Tür e decidiamo di proseguire fino al prato davanti alla chiesetta per pranzare: sono le 13:00, e siamo solo alla prima tappa. I compagni sono clementi e pietosi, nessuno reclama o mi sculaccia come mi sarei meritato.

Si decide di continuare verso l'alpe Germania e l'alpe Pianspessa: partiamo alle 14:00 e prendiamo il sentiero di salita. Arrivati poco sotto l'alpe Germania una delle signore ha un attacco di crampi. Stooooop. Tre nostri compagni sono già giunti a Pianspessa. Che fare? Si decide di richiamarli, scendere a Muggio, recuperare le auto, e andare a prendere il resto della comitiva. Mentre i compagni scendono da Pianspessa, una provvidenziale bottiglia di liquido isotonico rimette in sesto la gamba, e fa scomparire i crampi. Ridecisione: tutti a Pianspessa, la vista vale la pena.

Alle 15:40 arriviamo a Pianspessa, vento fortissimo: ha soffiato tutto il giorno, ma le curve della montagna ci hanno risparmiato il peggio fin qui. Che facciamo, finiamo ugualmente il giro? Il dislivello orami è minimo, ma il percorso lunghetto chilometricamente, rischiamo di arrivare al posteggio verso le 19:30. E se i crampi tornano? Breve consulto medico-organizzativo-temporale, rientriamo. Prendiamo il sentiero verso Tür, discesa senza problemi, breve sosta quasi in basso.

Poi via lungo il sentiero verso Casima che avremmo dovuto percorrere al mattino. In meno di mezz'ora siamo al cimitero, dalla parte giusta questa volta. Alle 17:20 abbiamo attraversato anche Casima, e giungiamo ai nostri mezzi.

Mi faccio diversi appunti mentali: 1) troppo sborrone, 2) troppa fiducia nella mia memoria, 3) troppo poco ascolto di chi ha più esperienza conoscendo già i luoghi. Ammenda, farò ammenda.

E possibile vedere i vari percorsi segnalati sul sito ufficiale della valle di Muggio: ce n'è per tutti i gusti.

Grazie Enrico per avermi sostenuto anche nell'errore :-)

Descrizione completa dell'escursione con mappa, foto e testo.