Laghi di San Giuliano

Portrait de locontim
locontim
0 vote
+
Vote up!
-
Vote down!
Data rilievo: 
13/08/2009
Quota di partenza: 
1 485 m
Quota di arrivo: 
1 960 m
Dislivello: 
750 m
Tempo di salita o complessivo*: 
2h45'
Tempo di discesa: 
2h00'

Introduzione

Descrizione

Si prende quota da Pozza delle Vacche, nel fitto bosco, con i segnavia, fino a sbucare sul bellissimo lastricato che sale da Caderzone (0h30’) e che termina, poi, dalla Malga Campostril, 1830m (0h20’). Ci si inerpica fino al lago Vacarsa, 1912 m (20’), e dopo si rimonta un gradino roccioso, con una serie di tornanti. Da qui, si vede il Bochet de l’Acqua Fredda che richiede ancora un po’ di fatica e molte svolte (fino all’ultimo il valico sembra lontano…). Dal passo, 2184m (0h45’), si intravede l’Adamello (penso…) , si vedono i due laghi e si scende verso di essi e fino a toccare il rifugio San Giuliano, 1960 m (0h45’). Dopo la pausa (la chiesetta vicina purtroppo è chiusa), si risale brevemente fino alla Malga di San Giuliano, 1980 m (0h10’), con vista sulla Presanella, e poi si cala sempre nel bosco e poi in piano con qualche ondulazione (bella vista sulle cascate del Nardis nella sottostante Val di Genova) per arrivare, in maniera alla fine poco interessante, fino alla Malga Campo, 1728 m, in 1h15' (dove si ignora la deviazione per Malga Diaga - altro parcheggio a 1430 m). Si continua superando Poc dali Fafc, 1660 m (15’), fino a ritrovare il parcheggio di Pozza delle Vacche (20’)

Autore

  • Consulta tutte le relazioni di escursionismo di Maurizio Lo Conti
  • Consulta la pagina di [[Maurizio Lo Conti]]