Mont Facebelle

Portrait de giancarloberetta
giancarloberetta
0 vote
+
Vote up!
-
Vote down!
Difficoltà: 
WT2
Quota di partenza: 
1 847 m
Quota di arrivo: 
2 619 m
Dislivello: 
772 m
Tempo di salita o complessivo*: 
3h00'
Tempo di discesa: 
2h00'

Introduzione

Itinerario frequentato soprattutto nella parte bassa sino all’alpeggio di Vascotchaz ed all’attigua chiesetta mentre oltre, soprattutto per l’accentuarsi della pendenza nella parte terminale, necessita di un po’ di esperienza per affrontarlo negli ultimi traversi.

Descrizione

Dal parcheggio ci si avvia per prati innevati in direzione ovest verso le ben visibili piste di sci. Si risale il dolce pendio attraversando un paio di volte una stretta stradina; in seguito la pendenza aumenta e, costeggiando a zig-zag la pista, deviando un poco verso destra si giunge ad un piccolo pianetto. Da qui si prende come riferimento l’alpeggio di Vascotchaz e la vicina chiesetta ben visibili sulla destra e si può anche vedere la seconda parte dell’itinerario di salita: proseguendo ora in leggera salita sulla destra orografica del vallone (la sinistra salendo) e passati un paio di torrentelli che scendono dalle pendici sovrastanti si giunge nei pressi dell’alpeggio che si lascia sulla destra. Salendo sopra di esso con alcuni tornanti, la pendenza ora si accentua leggermente, si tiene all’incirca il centro del vallone per poi, arrivati dopo alcuni traversi in un punto in cui la salita diminuisce di intensità, ci si dirige verso una solitaria pietra a punta che emerge dal manto nevoso. Superatala ci si alza verso destra (diritti si va al colle Vascotchaz e sulla sinistra si vede l’imponente sagoma del Bec de Nannaz) seguendo anche le eventuali tracce esistenti e, aumentando la pendenza progressivamente, ci si innalza verso il pendio finale che ormai abbiamo di fronte. Prima di giungere in vetta bisogna passare però qualche traverso un po’ ripido sia sotto che attraversando alcune roccette affioranti. Dopo questa fatica le pendenza diminuisce sempre più e si raggiunge così l’aerea crestina finale che conduce sulla cima.
Il ritorno si svolge per l’itinerario di salita.

La cima si può anche raggiungere salendo al colle Vascotchaz e da qui percorrere la cresta sulla destra che però, se ghiacciata od in caso di neve ventata con qualche piccola cornice, può creare qualche difficoltà. Per fugare ogni dubbio è meglio salire direttamente per il pendio alla cima: è senz’altro più ripido ma al limite si fa qualche tornante in più (alla fine il dislivello è sempre lo stesso).

Informazioni generali

Via:
Segnavia:
Tipologia percorso:
Periodo consigliato:
Esposizione al sole:
Pericolo Oggettivo:
Tratti esposti:
Attrezzatura utile:
Acqua:

Riferimenti bibliografici

Accesso stradale

Galleria fotografica

Mont Facebelle: ci siamo stati!

  • Mont Facebelle

    Mont Facebelle

    1/12/2013
    Portrait de massimo
    massimo

#ciaspolare in Val d'Ayas: relazioni itinerari

  • Palon de Résy

    28/12/2014
    Portrait de massimo
    massimo
  • Punta Palasina

    14/12/2010
    Portrait de giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Plan de Véraz

    27/12/2009
    Portrait de massimo
    massimo
  • Mont Facebelle

    Portrait de giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Punta Valnera

    Portrait de giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Rifugio Grand Tournalin

    Portrait de giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Rifugio Arp

    Portrait de massimo
    massimo
  • Rifugio Ferraro

    Portrait de massimo
    massimo
  • Ru Courtaud

    Portrait de massimo
    massimo
  • Col Ranzola

    1/03/2015
    Portrait de massimo
    massimo

Ayas: per saperne di più...