Taou Blanc

Portrait de giancarloberetta
giancarloberetta
0 vote
+
Vote up!
-
Vote down!
Data rilievo: 
15/08/2009
Difficoltà: 
T3
Quota di partenza: 
1 859 m
Quota di arrivo: 
3 438 m
Dislivello: 
1 767 m
Lunghezza*: 
14.80 km
Tempo di salita o complessivo*: 
4h00'
Tempo di discesa: 
2h30'

Introduzione

Questa escursione, dal dislivello e dalla lunghezza considerevoli, raggiunge su sentiero e tracciato evidente una cima, ad una quota anche questa considerevole, senza affrontare grandi difficoltà tecniche; infatti il primo risalto roccioso subito dopo il colle si può facilmente evitare sulla sinistra mentre le rocce terminali della vetta sono ben gradinate e solide. La traccia del sentiero scompare quando si giunge su terreno morenico ma ci sono visibili ometti che indicano il percorso sino a sotto il colle di Leynir; bisogna stare attenti, specialmente in caso di scarsa visibilità, quando si arriva su una delle crestine moreniche da scavalcare a non farsi trarre in inganno da una labile traccia, che ha qualche vecchia striscia gialla di vernice sui sassi, che segue la cresta della morena perché si perde poco più avanti in prossimità delle rocce.
Per descrivere il panorama che si gode dalla cima non basterebbe una pagina per elencare tutte le montagne visibili ma nelle giornate limpide la visuale a 360° è veramente eccezionale.

Descrizione

Dal parcheggio si prosegue sulla strada asfaltata sino alle paline segnavia poste verso il suo termine e si gira a sinistra scendendo per poco su una strada sterrata che passa accanto al villaggio di Thumel e si avvicina al torrente attraversandolo su di un ponte di legno. Si costeggia una grossa roccia liscia e si imbocca l’evidente sentiero che si dirige verso il bosco incrociando due bivi ai quali si tiene la destra al primo mentre al secondo si prosegue a sinistra su tracciato pianeggiante. Entrando nel bosco la pendenza aumenta sensibilmente ed il sentiero, rimontandolo con ripidi tornanti, guadagna rapidamente quota e si avvicina al torrente che scende accanto ad una vecchia frana arrivando ad un pianetto; ora il tracciato si indirizza verso una zona pietrosa, superata la quale, si può vedere sul vicino versante opposto una costruzione in pietra del Parco. La progressione si fa più agevole seguendo il sentiero ben battuto che continua sul fondo del piccolo vallone attraversando un ruscello e poi, superato un ponte, si sposta sulla parte opposta compiendo un semicerchio verso sinistra arrivando in breve al casotto del P.N.G.P. di Vaudalettaz superiore (2480 m). La traccia risale alla destra della costruzione rimontando il breve contrafforte e continua nel vallone di Vaudalettaz alzandosi sul versante erboso della montagna alla destra orografica al termine del quale si arriva in una zona di pietre ed erba, dove la traccia per brevi tratti si perde un po’, che si risale faticosamente. Il terreno cambia repentinamente fisionomia divenendo solo pietroso con la traccia, ben segnalata da ometti di pietre, che si insinua nei piccoli avvallamenti morenici raggiungendo un evidente grosso ometto posto più in alto. La pendenza diminuisce e si continua su terremo morenico oltrepassando un evidente sasso giallo (2917m) oltre al quale la traccia sul terreno del sentiero scompare del tutto sino al colle di Leynir. Si attraversa in piano la zona morenica dirigendosi verso alcune basse rocce levigate dove si vedono alcuni ometti di pietre; seguendoli si continua oltrepassando anche un grosso masso con una freccia gialla posto nei pressi di un piccolo laghetto e ci si avvicina alla lingua del piccolo ghiacciaio di Vaudalettaz che scende dal colle di Leynir. Se si arriva al mattino presto, quando la neve è dura, possono essere utili i ramponi per risalire comodamente sotto la verticale del colle altrimenti si prosegue al suo margine sinistro, salendo faticosamente tra sassi mobili e terreno di pietrisco bagnato, puntando ad una evidente roccia liscia un po’ rossastra che si supera con attenzione. Oltre questa si arriva in breve, con un ultimo strappo, al colle di Leynir (3084m) dove si trova un cippo di pietre. Da qui, verso est, parte una labile traccia, ben segnalata da ometti di pietre sino in vetta, che contorna sulla sinistra una zona rocciosa e con qualche tornante risale verso alcune rocce lisce che si superano con attenzione e si arriva ad un bivio dove per proseguire vi sono due alternative: per la prima si continua a sinistra sulla traccia di pietrisco per la seconda si prosegue per breve a destra arrivando ad alcune roccette che si possono vincere direttamente con facile arrampicata risalendo il breve intaglio. Al di sopra di queste si riprende la traccia che sale sull’ampia dorsale arrivando, con qualche zig-zag, alla base delle rocce della vetta che senza difficoltà si superano giungendo all’omino posto sulla piccola vetta.

Informazioni generali

Via:
Segnavia:
Tipologia percorso:
Periodo consigliato:
Esposizione al sole:
Pericolo Oggettivo:
Tratti esposti:
Attrezzatura utile:
Acqua:

Riferimenti bibliografici

  •  

Accesso stradale

Galleria fotografica

Taou Blanc: ci siamo stati!

#escursioni in Val di Rhêmes: relazioni itinerari

  • Col Entrelor

    22/08/2017
    Portrait de massimo
    massimo
  • Tête d’Entrelor

    12/08/2017
    Portrait de massimo
    massimo
  • Rifugio delle Marmotte

    12/08/2017
    Portrait de massimo
    massimo
  • Laghi di Changier

    17/07/2010
    Portrait de massimo
    massimo
  • Feleumaz

    17/07/2010
    Portrait de massimo
    massimo
  • Taou Blanc

    15/08/2009
    Portrait de giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Lac de Tsantelèina

    Portrait de giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Col Bassac Deré

    Portrait de giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Col Rosset

    Portrait de ivano_ruffoni
    ivano_ruffoni
  • Rifugio Benevolo

    Portrait de massimo
    massimo

Rhêmes-Notre-Dame: per saperne di più...