Arcanzòlo

Portrait de Cai56
Cai56
0 vote
+
Vote up!
-
Vote down!
Data rilievo: 
7/10/2012
Difficoltà: 
T2
Quota di partenza: 
912 m
Quota di arrivo: 
1 770 m
Dislivello: 
858 m
Tempo di salita o complessivo*: 
2h00'
Tempo di discesa: 
1h30'

Introduzione

Escursione del tutto sconosciuta ad un alpeggio da decenni abbandonato e la cui unica baita è ormai ridotta a rudere. Il vero interesse della gita è costituito dallo spettacolare percorso, per la gran parte artificialmente costruito in cenge, scalinate e tratti scavati nella roccia. Grandioso anche il panorama aereo sulla sottostante Val di Mello e verso le strutture circostanti il "Precipizio degli Asteroidi".
NOTA: molto difficile rintracciare l'inizio del sentiero. In occasione di questa gita sono stati posizionati tre ometti ed eseguita una apposita incisione sul tronco di un albero.

Descrizione

Da San Martino Valmasino (912m) si sale a seguire la pista forestale della Val di Mello; in corrispondenza di uno slargo si attraversa il torrente sul ponte-canale ENEL e ci si ritrova, sull'altra riva, ad incrociare un sentierino. Si svolta a sinistra e - a saliscendi - si risale la vallata: oltrepassata una presa d'acqua (nei pressi di un secondo pnte) e attraversato un piccolo greto di un torrentello spesso asciutto, è necessario prestare molta attenzione. Le indicazioni a vernice improvvisamente svoltano a destra, abbandonando la vecchia traccia che proseguiva lungo il torrente principale e che tende a scomparire nell'erba: al margine destro del piccolo prato dove ci si trova, si dovrebbero notare il primo ometto e l'incisione nella corteccia di un frassino (A di Arcanzòlo e freccia direzionale). Da questo prato se ne raggiunge in salita un secondo (due ometti) e dal suo angolo superiore destro si riesce ad imboccare un buon sentiero nel bosco di latifoglie. Il sentiero è molto ripido e sale a serpentine fino a portarsi in una zona di pareti a picco e lastronate rocciose ("piode"). Da qui si inizia a percorrere l'antica mulattiera per il carico del bestiame: regolari gradinate si insinuano in un canalone o ne percorrono la sponda; dove necessario la sede del tracciato è sostenuta da alti muri a secco, oppure è scavata in cengia nell'interno della parete, oppure ancora appoggia il lastricato sulle piode ancorandolo con grossi picchetti in ferro. Dopo circa 600 metri di dislivello la salita diminuisce e - con un tratto confuso nelle erbe - il sentiero raggiunge una radura con baita 1613m; si segue la freccia rossa sul muro rivolta a destra (ignorare, sull'altra parete, la freccia rivolta a monte) e si rientra nel bosco. Una salita non molto ripida fra i larici conduce in breve ad uno splendido pulpito erboso a picco sulla Val di Mello; la prosecuzione è verso destra a zigzag nel bosco fitto per poi sbucare nell'antica radura - ormai assediata da cespugli e giovani alberi - dell'Alpe Arcanzòlo 1770m. Dell'unica baita rimangono le pietre perimetrali e la posizione di osservazione privilegiata sull'antistante guglia della Cima di Cavalcorto.
Ritorno per la via di andata.

Informazioni generali

Via:
Segnavia:
Tipologia percorso:
Periodo consigliato:
Esposizione al sole:
Pericolo Oggettivo:
Tratti esposti:
Attrezzatura utile:
Acqua:

Riferimenti bibliografici

  •  

Accesso stradale

Galleria fotografica

Arcanzòlo: ci siamo stati!

#escursioni in Val Masino: relazioni itinerari

  • Bivacco Manzi-Pirotta

    24/09/2013
    Portrait de Cai56
    Cai56
  • Cima Vignone

    27/10/2013
    Portrait de Cai56
    Cai56
  • Arcanzòlo

    7/10/2012
    Portrait de Cai56
    Cai56
  • San Quirico

    Portrait de Cai56
    Cai56
  • Passo di Scermendone

    6/09/2009
    Portrait de Cai56
    Cai56
  • Rifugio Giannetti

    Portrait de Cai56
    Cai56

Val Masino: per saperne di più...