Parco del Monte Barro

Portrait de Cai56
Cai56
1 vote
+
Vote up!
-
Vote down!
Data rilievo: 
6/01/2014
Difficoltà: 
T2
Quota di partenza: 
370 m
Dislivello: 
365 m
Lunghezza*: 
13.65 km
Tempo di salita o complessivo*: 
3h30'

Introduzione

Percorso ad anello che circonda a mezza altezza le pendici di quella piramide montuosa isolata al confine settentrionale della regione brianzola che è il Monte Barro. Una montagna che racchiude in pochi ettari l'esemplificazione di quanto è presente sui rilievi di tutta questa parte di Prealpi: flora e fauna endemiche, fenomeni geologici di rilievo, resti archeologici (la più vasta testimonianza di insediamento goto in Italia); da non trascurare anche la privilegiata posizione panoramica verso ogni orizzonte. Il territorio è protetto e curato dal "Parco del Monte Barro".

Descrizione

Si inizia la gita dalla piazza a fianco della chiesa parrocchiale (370m) imboccando la Via C.Cantù che prosegue poi come Via Sant'Alessandro, fino ad incontrare sulla sinistra la ripida Via dell'Oliva. La si segue finchè si trasforma in sentiero: da qui si continua lungamente con blandi saliscendi in attraversata sul versante orientale del Monte Barro. Dopo aver notato in basso sulla destra l'incompiuta basilica di San Michele, si raggiungono le prime radure del Pian Sciresa (430m); scesi brevemente nella conca prativa se ne risale l'opposto versante passando al fianco sinistro della "Baita Alpina"; si sale in direzione del Monte Barro dove i sentieri si moltiplicano: si mantiene la destra seguendo le indicazioni del sentiero basso per l'area archeologica. Si continua con un divertente saliscendi che, nella Valle del Faiè, oltre un piccolo guado, si avvicina alla base di un dirupo. Una ripida scalinata a tornanti conduce in breve ad una selletta boscosa (di fronte, a valle, un Ristoro Alpino): una provvisoria deviazione a destra reca alla sommità di un dosso erboso (ex-roccolo) in meravigliosa posizione panoramica. Tornati alla selletta si volge a sinistra fino all'immediato bivio che, verso destra in piano, porta subito all'area archeologica 616m ( scavi ben tenuti ed illustrati); attraversato l'esteso insediamento, ci si dirige a risalire una pista cementata che sbocca su di un piazzale asfaltato con monumento agli Alpini. Si sale ad una nuova "Baita Alpina" 635m e, passando fra i tavoli verso destra, si procede lungo un sentiero che - in breve - va a confluire in un largo acciottolato che si segue in discesa verso destra. Dopo appena un centinaio di metri, oltrepassata una ripida parete di roccia, si prende il sentierino che sale a sinistra, dapprima scavato nelle stratificazioni calcaree e che poi, dopo un lungo mezzacosta (resti di fortificazioni gote), raggiunge una ripida spalla boschiva. Si scende velocemente a destra su sentiero zigzagante fino a raggiungere la recinzione e poi l'ingresso del Centro Ornitologico Sperimentale di Costa Perla 590m. Si percorre la strada asfaltata di accesso al Centro finchè confluisce nella carrozzabile del Monte Barro: la si segue in discesa fino al primo tornante dove si imbocca la pista per la Cascina Novella 490m. Poche decine di metri prima delle abitazioni si retroverte su di un sentierino a sinistra che scende lungo una valletta seguendo un rigagnolo, lo si attraversa e - dopo una breve risalita - si esce dal bosco presso un vigneto. Si cerca una traccia erbosa poco visibile sulla destra fra i primi filari e si scende a contornare un cascinale; percorso il viale di accesso, ci si immette sulla carrozzabile per Camporeso 415m. Oltrepassato un lavatoio coperto, si entra fra i vicoli del piccolo nucleo medioevale, si oltrepassa una piazzetta (sulla destra museo etnografico) e si torna nei campi estesi alla base della fascia rocciosa della falesia di Galbiate (numerosissime vie d'arrampicata). La mulattiera costeggia un bosco e va ad oltrepassare i ruderi di una cascina, allargandosi manmano a carrareccia: un continuo saliscendi conduce ad affiancare una azienda agricola, a sfilare a monte dell'abitato di Sala al Barro e a raggiungere le prime abitazioni dell'antico nucleo di Galbiate. Tenendo come direttiva "a vista" il campanile della parrocchiale, si raggiunge in breve il punto di partenza.

Informazioni generali

Via: anello da Galbiate
Segnavia: rosso/giallo/rosso
Tipologia percorso: circolare
Periodo consigliato: gennaio, febbraio, marzo, aprile, maggio, giugno, luglio, agosto, settembre, ottobre, novembre, dicembre
Esposizione al sole:
Pericolo Oggettivo: sentiero sdrucciolevole in caso di pioggia
Tratti esposti:
Attrezzatura utile:
Acqua:

Riferimenti bibliografici

  •  

Accesso stradale

Da Milano si percorre la statale 36 fino all'uscita di Civate; si prosegue in direzione di Oggiono fino alla vicina località Sala al Barro. Da qui si raggiunge Galbiate e si cerca parcheggio nei pressi della parrocchiale.

Galleria fotografica

Parco del Monte Barro: ci siamo stati!

  • Monte Barro

    Monte Barro

    26/05/2013
    Portrait de massimo
    massimo
  • Monte Barro

    Monte Barro

    13/10/2013
    Portrait de Rita
    Rita

Provincia di Lecco: relazioni itinerari

  • Parco del Monte Barro

    6/01/2014
    Portrait de Cai56
    Cai56
  • Olgiasca

    3/11/2013
    Portrait de Cai56
    Cai56
  • Monte Coltignone

    22/05/2013
    Portrait de Rita
    Rita
  • Monte San Genesio

    1/05/2013
    Portrait de Cai56
    Cai56
  • Grigna Settentrionale

    10/02/2013
    Portrait de Rita
    Rita
  • Monte Sodadura e Cima di Piazzo

    12/01/2013
    Portrait de Rita
    Rita
  • Monte Muggio

    18/11/2012
    Portrait de Rita
    Rita
  • Lago di Sasso

    30/10/2012
    Portrait de benedetto
    benedetto
  • Corno Rat

    15/08/2012
    Portrait de Cai56
    Cai56
  • Pizzo dei tre Signori, Via del Caminetto

    9/06/2012
    Portrait de benedetto
    benedetto
  • Sui sentieri del Resegone

    19/05/2012
    Portrait de Rita
    Rita
  • Corna Grande e circuito Campelli (sentiero degli Stradini)

    31/03/2012
    Portrait de benedetto
    benedetto

Pages

Provincia di Lecco: per saperne di più...