Bec Raty

Ritratto di giancarloberetta
giancarloberetta
0 votes
+
Vote up!
-
Vote down!
Data rilievo: 
5/09/2009
Difficoltà: 
T2
Quota di partenza: 
1 885 m
Quota di arrivo: 
2 360 m
Dislivello: 
475 m
Lunghezza*: 
5.85 km
Tempo di salita o complessivo*: 
1h45'
Tempo di discesa: 
0h45'

Introduzione

Questa escursione si può effettuare anche avendo una mezza giornata libera e consente di raggiungere una vetta con un bel panorama sulla cime della valle di Champorcher: infatti il Bec Raty è la punta più meridionale della lunga cresta che dalla Gran Rossa scende verso sud e si trova sulla sinistra idrografica della vallata. A meridione si presenta con un’alta parete rocciosa verticale, sul cui evidente spigolo sale la frequentata “via delle poiane”, mentre a nord c’è un pendio di bassa vegetazione e di rocce rotte che conduce in vetta. L’itinerario è ben tracciato sino all’attraversamento del torrente a quota 2180m mentre più oltre si passa nei punti migliori per risalire le rocce: è comunque più comodo risalire queste ultime che non i ripidi pendii erbosi con bassi cespugli.

Descrizione

Arrivati ad una quota di 1885m si imbocca sulla destra una strada sterrata che ha al suo inizio un cartello di divieto di transito e si sale in lieve pendenza avendo già davanti ben visibile la meta dell’escursione. Si passa accanto alle baite di Chapy (1948m) e quasi subito si abbandona la strada ad un bivio ben segnalato da un bollo giallo su di una pietra (1972m); il sentiero si sposta sotto le pendici del Bec Barmasse e, con la pendenza che aumenta un po’, le risale con alcuni tornanti per arrivare ad un valloncello con dolci ondulazioni erbose. Proseguendo il cammino ed arrivati ad una quota di 2180m circa si scende di poco in prossimità di alcuni cumuli di pietre per attraversare il torrente e, avendo davanti il versante prevalentemente roccioso, iniziare la salita alla cima. Si sale dapprima tra bassi cespugli cercando di individuare qualche vecchio ometto di pietre visibile sulle rocce più in alto e, stando poco a sinistra della verticale della cima, raggiungerli su terreno ora prevalentemente di massi medio grandi. Salendo sulla pietraia, che in alcuni punti diventa un po’ ripida, si arriva in prossimità della cresta dove conviene spostarsi a destra camminando tra erba e sassi puntando all’evidente grossa pietra situata sulla vetta che si raggiunge dopo un ultimo strappo risalendo le ultime rocce.

Informazioni generali

Segnavia: (9A) e s. n.
Tipologia percorso: a/r
Periodo consigliato: giugno, luglio, agosto, settembre
Pericolo Oggettivo: sassi mobili sulla pietraia
Esposizione al sole: nord

Riferimenti bibliografici

Accesso stradale

Percorrendo la Autostrada A5 Torino-Aosta si esce al casello di Pont-Saint-Martin e si prosegue in direzione di Aosta. Superato il comune di Bard si svolta a sinistra in prossimità di una rotatoria seguendo le indicazioni di Champorcher; arrivati nel capoluogo si gira a destra dove i cartelli indicano la direzione per Dondena e, salendo con numerosi tornanti, si arriva nei pressi dei cartelli turistici del Parco del Mont Avic. Qui la strada diviene sterrata e sconnessa e si prosegue per qualche chilometro sino ad una quota di 1885m.

Galleria fotografica

Bec Raty: ci siamo stati!

#escursioni nella Valle di Champorcher: relazioni itinerari

  • Barmelle

    2/06/2013
    Ritratto di massimo
    massimo
  • Mont Pousseuil

    11/06/2011
    Ritratto di giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Lago Miserin, sentiero 7

    7/08/2010
    Ritratto di massimo
    massimo
  • Monte Marzo

    17/09/2008
    Ritratto di massimo
    massimo
  • Col Santanel

    17/10/2009
    Ritratto di massimo
    massimo
  • Bec Raty

    5/09/2009
    Ritratto di giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Tour Ponton

    Ritratto di massimo
    massimo
  • Pointe d'Arcomy

    Ritratto di ivano_ruffoni
    ivano_ruffoni
  • Rifugio Barbustel

    Ritratto di massimo
    massimo
  • Col Laris

    Ritratto di maurizio
    maurizio

Champorcher: per saperne di più...

Pagine