Col de Nannaz

Ritratto di ivano_ruffoni
ivano_ruffoni
0 votes
+
Vote up!
-
Vote down!
Quota di partenza: 
2 023 m
Quota di arrivo: 
2 772 m
Dislivello: 
749 m
Tempo di salita o complessivo*: 
2h15'
Tempo di discesa: 
2h00'

Introduzione

Il Col de Nannaz un antico e molto frequentato passaggio fra la Valtournenche e la valle d'Ayas. Separa la Becca di Trecaré dal Bec de Nannaz. Il colle è raggiungibile partendo da Saint-Jacques, da Chamois o da Cheneil. La salita da Cheneil è sicuramente la meno faticosa.
La prima parte dell'escursione si svolge nella bella conca di Cheneil, successivamente si passa in un bosco di larici, si sale per pascoli e si scollina nel Vallone di Chamois.
L' ultimo tratto prima del colle è in un ambiente severo in mezzo agli sfasciumi. Si consiglia il ritorno passando dal Santuario Clavalité, incredibile balcone panoramico sul Cervino e le Grandes Murailles.

Descrizione

Dal piazzale, si passa a destra della stazione di partenza della piccola teleferica che rifornisce Cheneil, si attraversa un ponte in legno sul torrente che raccoglie le acque che scendono dalle pendici occidentali del Grand e Petit Tournalin e si risale a svolte, su una larga mulattiera, segnavia (26), accanto alla teleferica ed a una cascata, lo scalino che precede la conca di Cheneil. Giunti al bellissimo pianoro di Cheneil (2105m, 0h10') ci si sposta a destra per raggiungere la palina segnaletica. Si segue il sentiero AV1, e si entra in un rado bosco di larici ed ontani. Dopo alcune macchie di mirtilli e rododendri si incrocia, a destra, il segnavia (31) per il Santuario Clavalité. Dopo altri 7/8 minuti di cammino per pascoli si lascia a sinistra il sentiero (29) / (30) per il Monte Roisetta e il Grand Tournalin e si risale fino alle quattro baite allineate dell'Alpe Champ-Sec (2328m, 050'). A tornanti, sotto le pendici settentrionali della Punta Falinère, si risalgono dei bellissimi pascoli, mentre, alle spalle, si aprono incredibili panorami dal Cervino al lago di Cignana. Un ultimo tratto e si è al Passo delle Fontanette (2697m, 1h45'), chiamato anche Colle di Croux o Col des Fontaines. Si scende ora con una lunga diagonale nel vallone di Chamois, perdendo quaranta/cinquanta metri di quota, fino ad incrociare il sentiero segnavia (2) per Chamois. Poco dopo la traccia passa accanto ad un laghetto (2650m circa) e, successivamente, svolta a sinistra risalendo gli sfasciumi che precedono il Col de Nannaz (2772m, 2h20').
A nord del colle si staglia la Becca di Trécare, a sud vi è il Bec de Nannaz e, oltre il colle, verso la valle d'Ayas, in basso è visibile il Rifugio Grand Tournalin. Nei pressi del colle, a sinistra, vi è un'ampia depressione che può essere di riparo, durante la sosta, nelle giornate ventose.
In alternativa alla discesa per il medesimo itinerario seguito durante la salita, si suggerisce di scendere al laghetto (2650m circa) e poi di prendere a sinistra il segnavia (1) / (2). Dopo pochi minuti si segue a destra il segnavia (1) per il Santuario Clavalité. Salendo leggermente per pascoli, con bei panorami sul sottostante vallone, si giunge in breve ad un secondo laghetto. Ancora in salita si aggira uno sperone della Punta Falinère e dopo una lunga diagonale in leggera salita si giunge al Santuario Clavalité (2530m, 1h00'). Il panorama sul Cervino e le Grandes Murailles è superbo.
Si scende ora sulla sterrata, si aggira una modesta sommità su cui è posto un anemometro, e si giunge in prossimità di uno slargo. Qui si prende a destra, segnavia (30), ed a svolte, fra rododendri e mirtilli si scende a riprendere il sentiero percorso durante la salita. Giunti a Cheneil (2105m, 1h50'), per pascoli, ci si porta in prossimità della stazione di arrivo della teleferica e si scende sull'ampia mulattiera al piazzale di parcheggio sottostante (2023m, 2h00').

Bibliografia

Cartografia

Approfondimenti

Galleria fotografica

Commenti