Col du Petit Ferret

Ritratto di massimo
massimo
0 votes
+
Vote up!
-
Vote down!
Data rilievo: 
24/06/2005
Quota di partenza: 
1 769 m
Quota di arrivo: 
2 485 m
Dislivello: 
716 m
Lunghezza*: 
8.86 km
Tempo di salita o complessivo*: 
2h00'
Tempo di discesa: 
1h15'

Descrizione

Si parcheggia ad Arnouva (1769m) poco prima del piazzale di manovra di capolinea della navetta della Val Ferret (se la strada della Val Ferret fosse chiusa al traffico giungere ad Arnouva con la navetta). Lasciata l'auto si supera subito un ponticello in legno che permette l'attraversamento del torrente proveniente dal Vallone di Bellecombe. Si procede su di una strada poderale praticamente pianeggiante, dopo pochi minuti si incontra una palina segnaletica che ci indica la direzione da percorrere. Si procede per un breve tratto in piano sino a raggiungere il bivio per il Bivacco Comino (1785m, 0h10'): si trascura il sentiero e si procede sempre lungo la strada che incomincia a salire. Lentamente si apre una splendida veduta sul ghiacciaio del Triolet. Si costeggia per un breve tratto un ramo della Doire de Ferret sino a raggiungere, all'altezza di un tornante, l'inizio del sentiero per il Rifugio Dalmazzi (1857m, 0h15'). Con un paio di tornanti si prende leggermente quota proseguendo a mezzacosta passando sotto un roccione inclinato. Si susseguono tratti con tornanti e tratti semi rettilinei sino a raggiungere l'ultima svolta, a destra, prima del rifugio: dopo pochi metri si nota un bollo giallo su di una pietra, è l'inizio del sentiero per i bivacchi (2038m, 0h40').
Si imbocca a sinistra un bel sentiero che procede in direzione della cresta morenica che discende dal ghiacciaio Pré de Bard. Dopo alcuni minuti si svolta a sinistra marciando paralleli alla suddetta dorsale: in questo punto è possibile incontrare alcuni nevai, ad inizio stagione. Dopo un breve tratto in leggera salita si svolta verso destra per iniziare una lunga e ripida salita. Il sentiero si inerpica su di un piccolo crinale erboso inserito tra due piccoli avvallamenti in cui scorrono ripidi ruscelli. Con rapide svolte si prende decisamente quota, si incomincia a costeggiare una piccola cascatella sino ad arrivare ad un attraversamento della stessa (2300m, 1h35'). Da qui il sentiero procede con minore intensità portandosi in direzione della depressione del Col du Petit Ferret. Ancora un piccolo strappo e si raggiunge la depressione del colle: si attraversano alcuni nevai (ad inizio stagione) e, tenendosi sulla destra, si raggiunge infine il Col du Petit Ferret (2485m, 2h00').
Il ritorno si effettua sullo stesso itinerario dell'andata (1h15').

Non fatevi spaventare dal tratto ripido: è sufficiente mantenere un'andatura costante, senza forzare, ed anche questa difficoltà viene risolta.
Ad inizio della stagione estiva sono ancora presenti dei nevai lungo il cammino: il loro attraversamento non è difficoltoso ma bisogna comunque porre la dovuta attenzione; si consiglia l'uso dei bastoncini per aver maggior stabilità nel loro attraversamento.

Bibliografia

Cartografia

Approfondimenti

Galleria fotografica