Col Marcage, da Bellecombe

Ritratto di massimo
massimo
0 votes
+
Vote up!
-
Vote down!
Data rilievo: 
14/04/2013
Difficoltà: 
T2
Quota di partenza: 
1 020 m
Quota di arrivo: 
1 125 m
Dislivello: 
140 m
Lunghezza*: 
4.40 km
Tempo di salita o complessivo*: 
1h20'
Tempo di discesa: 
1h10'

Introduzione

Piacevole camminata a mezza quota sulle alture che sovrastano Chatillon, Saint-Vincent e Montjovet. La meta dell'escursione è il Col Marcage, ampia insellatura posta sulla dorsale nord-orientale del Mont Lyan che separa il vallone di Rodoz dal versante solatio di Gettaz. Il percorso è privo di particolari difficoltà e non presenta grossi dislivelli, si sviluppa prevalentemente nel bosco dell'envers tra Pino silvestre e roverella.

Descrizione

Lasciata l'auto procedere a sinistra della graziosa cappella di Bellecombe, dedicata a Sant'Anna, imboccando una pista sterrata che si inoltra tra campi bonificati e castagneti con belle vedute sulle non lontane vette della Val d'Ayas. Al terrmine dello stradello si raggiunge una radura dove diparte il sentiero che si inerpica brevemente nel bosco attraversando un tratto roccioso. Superato il brevissimo strappo il sentiero procede nel bosco di Pino silvestre e sottobosco di ginepro con pendenza molto lieve. Dopo circa 30 minuti di cammino si arriva nei pressi di un pilone dell'elettrodotto, sulla sinistra diparte una traccia di sentiero che conduce sulla non molto nota vetta del Mont Avi (1117m): la deviazione può comportare un aggravio di tempo nell'ordine dei 10 minuti. Si prosegue nel bel bosco che ogni tanto si apre lasciando trasparire interessanti scorci sulle sottostanti cittadine di Saint-Vincent e Châtillon, sul Mont Zerbion e in generale sulla curvatura della valle principale. Lentamente si abbandona la parte di bosco denominata di Belle Côte per intraprendere un tratto di versante più ripido con il sentiero che procede a mezza costa con qualche piccolo strappo. Una volta transitati sotto l'elettrodotto si entra nel comune di Montjovet ed in seguito la pendenza di salita si affievolisce entrando in un balcone boschivo. Al pino silvestre si sostituisce gradualmente la roverella mentre il sentiero vira a sinistra seguendo la curvatura della valle principale. Raggiunta la massima quota dell'itinerario (1136m) si intraprende una breve discesa e si raggiungono i prati antistanti al villaggio: un breve tratto pianeggiante conduce a Rodoz (1125m, 1h15') che offre subito all'escursionista la notevole cappella del XVI secolo dedicata alla Visitazione della Vergine Maria.
Il villaggio ora abbandonato offre interessanti spunti di architettura rurale ed una grande sensazione di solitudine. Si oltrepassa il villaggio e si vira a destra abbandonando gli ultimi prati prima di discendere nel vallone del torrente Grand Rodoz da oltrepassare su di una passerella in legno. Si riprende la sua destra orografica risalendo brevemente sino a raggiungere una pista poderale nei pressi di Brusoncle. Svoltare a destra imboccando una bella mulattiera che solca l'ampia insellatura del Col Marcage (1100m, 1h20') sino al suo culmine.
Il rientro avviene sullo stesso percorso dell'andata (1h10') e può essere integrato con l'ascensione del Mont Avi.

Informazioni generali

Via: da Bellecombe
Segnavia: 1
Tipologia percorso: a/r
Periodo consigliato: aprile, maggio, giugno, luglio, agosto, settembre, ottobre, novembre
Esposizione al sole: nord, nord-est
Pericolo Oggettivo: possibile presenza del cinghiale
Acqua: Bellecombe, Rodoz

Riferimenti bibliografici

  •  

Accesso stradale

Raggiunta l'uscita dell'autostrada Autostrada A5 di Châtillon svoltare a sinistra procedendo verso il centro abitato sino ad un primo incrocio dove si svolta nuovamente a sinistra. Seguire dapprima Via Barrat poi il Viale della Stazione sino al sottopasso sulla ferrovia poi svoltare ancora una volta a sinistra imboccando la strada comunale per Bellecombe. Risalire la stradina comunale superando il caratteristico villaggio di Ussel, noto per il suo castello medievale, proseguendo sull'impervia stradina immersa nei castagni sino al villaggio di Bellecombe. Giunti a destinazione si incontra un ampio parcheggio al cospetto della cappella di Sant'Anna.

Galleria fotografica

Col Marcage: ci siamo stati!

#escursioni in media Valle d'Aosta: relazioni itinerari

  • Mont de Corquet

    25/06/2005
    Ritratto di massimo
    massimo
  • Col de Joux

    Ritratto di massimo
    massimo
  • Bivacco Federigo Zullo

    Ritratto di massimo
    massimo
  • Grand Pays, da Clemenceau

    Ritratto di ivano_ruffoni
    ivano_ruffoni
  • Mont Emilius

    25/09/2004
    Ritratto di massimo
    massimo
  • Becca de Viou, da Blavy

    Ritratto di massimo
    massimo
  • Cappella di Saint-Evence

    3/05/2003
    Ritratto di massimo
    massimo
  • Becca d'Aver

    2/06/2009
    Ritratto di massimo
    massimo
  • Cima Longhede

    2/06/2009
    Ritratto di massimo
    massimo
  • Lago Chamolé

    Ritratto di vittorio
    vittorio
  • Eremo Saint-Julien

    Ritratto di inalto
    inalto
  • Lago di Villa, da Barmachande

    Ritratto di massimo
    massimo

Pagine

Montjovet: per saperne di più...