Col Santanel

Ritratto di massimo
massimo
0 votes
+
Vote up!
-
Vote down!
Data rilievo: 
17/10/2009
Difficoltà: 
T2
Quota di partenza: 
1 223 m
Quota di arrivo: 
2 463 m
Dislivello: 
1 240 m
Lunghezza*: 
13.20 km
Tempo di salita o complessivo*: 
3h00'
Tempo di discesa: 
2h00'

Introduzione

Il Col de Santanel è un valico minore che mette in comunicazione la Champorcher, attraverso la Valle della Legna, e la Val Soana. Percorso molto affascinante e poco frequentato può essere considerato come una meta fine a se stessa oppure può essere incluso in un lungo percorso circolare con rientro dal Col Laris.

Descrizione

Lasciata l'auto si incontrano alcuni pannelli con al cartografia della zona e le paline segnaletiche nei pressi dell'imbocco del sentiero. Intraprendere la marcia lungo la mulattiera che conduce alla Valle della Legna, segnavia (4). Il primo tratto del percorso si svolge attraversando, con qualche saliscendi, un breve pascolo sopra il villaggio di Outre l'Eve. Si entra nel bosco e si inizia a salire dolcemente sulla bellissima mulattiera lastricata accompagnata da alcune edicole votive e, poco oltre, si raggiunge il villaggio abbandonato di Porte (1343m, 0h20'). Proseguendo si incontra subito, a destra, l'innesto dell'Alta Via 2 e, poco oltre, vestigia di antichi sistemi irrigui. Si esce dal bosco e si raggiunge un secondo bivio: si prosegue a destra trascurando il sentiero (4A) per Troume che discende a sinistra. Dopo pochi metri di salita si incontrano i casolari di Pian Bouc (1363m, 0h25'); procedere ora in leggera salita tra i larici costeggiando le gole del Torrent du Bois; all'uscita del bosco si incontrano i pascoli di Ourty ed il bivio (1485m, 0h40') per il Lago Vercoche, segnavia (4F): procedere a sinistra tra i pascoli sino a raggiungere un ponte in legno con il quale ci si porta sulla destra orografica della vallata. Superare il ponticello a due campate, recentemente ristrutturato, e risalire un bel pascolo su flebile traccia che diviene man mano più evidente mentre risale verso il bosco. Entrati nel bosco si attraversa un impluvio e si continua a risalire il vallone prendendo quota con alcune svolte sino ad avvicinarsi al torrente nei pressi di una particolare radura al cospetto di enormi roccioni. Si riprende a salire sulla bella mulattiera selciata che con un paio di svolte si riporta in quota raggiungendo un breve tratto di sentiero bordato da una ringhiera; un nuovo tratto di salita e si raggiunge il bivio tra il sentiero (4) ed il sentiero (4E) poco sotto Maisons Vieilles (1825m, 1h15').
Imboccare il sentiero (4E) sulla destra che conduce in breve ad un ponticello: si oltrepassa il Torrent du Bois portandosi sulla sinistra orografica del vallone. Seguire con qualche ondulazione l'andamento della piana di Saint-Antoine per poi iniziare la salita virando verso destra ed entrando nel lariceto. Si compiono alcune svolte sino a raggiungere gli alpeggi diroccati di Maisons Neuves (1929m, 1h30'). Il sentiero svolta ora a destra e, poco sopra, a sinistra tagliando il lariceto con una diagonale che conduce ai pascoli che precedono Peroisaz. Risalire i pascoli sul sentiero non evidentissimo sino ad attraversare un piccolo ruscello e procedere verso sinistra a mezza costa sotto il poggio su cui è ubicato il piccolo abitato. Ormai in vista delle case si procede sul sentiero un po' confuso da tracce di bestiame sino ad arrivare a Peroisaz (2177m, 1h50').
Attraversare le case e poi svoltare a sinistra ai piedi di un bel rustico ristrutturato; il sentiero ora procede in leggera salita su campo aperto, evidente e lineare sino alla vista di Chilet e di una caratteristica edicola votiva. Svoltare ancora verso destra sino a portarsi in un ampia insellatura dalla quale, dopo poche decine di metri, si intravede il lago. Scendere brevemente sino a raggiungere il Lago Chilet (2322m, 2h30') con la sua piccola diga di contenimento delle acque. Lasciarsi il lago a destra e dirigersi verso una piccola insellatura seguendo il sentiero che si fa via via più incerto. Alla selletta tenersi a destra, ricercando alcuni bolli gialli un po' consunti, ed attraversare una fascia di pietrame tenendosi in quota sopra un laghetto. Si discende brevemente per poi risalire in direzione del vallone che conduce al valico; sempre su tracce intermittenti di sentiero iniziare la salita finale. Seguendo alcuni sporadici segni gialli e tenendosi al centro del vallone si risalgono praticamente in linea retta gli ultimi cento metri di dislivello sino a raggiungere il Col Santanel (2463m, 3h00') ove è posto anche un grosso ometto.
La discesa avviene sul medesimo itinerario percorso in salita (2h00').

Informazioni generali

Via:
Segnavia:
Tipologia percorso:
Periodo consigliato:
Esposizione al sole:
Pericolo Oggettivo:
Tratti esposti:
Attrezzatura utile:
Acqua:

Riferimenti bibliografici

Accesso stradale

Galleria fotografica

Col Santanel: ci siamo stati!

#escursioni nella Valle di Champorcher: relazioni itinerari

  • Barmelle

    2/06/2013
    Ritratto di massimo
    massimo
  • Mont Pousseuil

    11/06/2011
    Ritratto di giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Lago Miserin, sentiero 7

    7/08/2010
    Ritratto di massimo
    massimo
  • Monte Marzo

    17/09/2008
    Ritratto di massimo
    massimo
  • Col Santanel

    17/10/2009
    Ritratto di massimo
    massimo
  • Bec Raty

    5/09/2009
    Ritratto di giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Tour Ponton

    Ritratto di massimo
    massimo
  • Pointe d'Arcomy

    Ritratto di ivano_ruffoni
    ivano_ruffoni
  • Rifugio Barbustel

    Ritratto di massimo
    massimo
  • Col Laris

    Ritratto di maurizio
    maurizio

Champorcher: per saperne di più...

Pagine