Côte de Gargantua

Ritratto di massimo
massimo
0 votes
+
Vote up!
-
Vote down!
Difficoltà: 
T2
Quota di partenza: 
734 m
Quota di arrivo: 
734 m
Dislivello: 
100 m
Lunghezza*: 
1.80 km
Tempo di salita o complessivo*: 
0h45'
Tempo di discesa: 
1h00'

Introduzione

Breve ma interessante itinerario nei pressi di Aosta. La passeggiata sulla Côte de Gargantua permette di godere di interessanti spunti panoramici e naturalistici. Si può praticare questo percorso anche verso la fine della giornata, godendo appieno delle suggestioni cromatiche fornite dal tramonto.

Descrizione

Lasciata l'auto nel piccolo piazzale antistante la frazione Moline, si risale brevemente la strada regionale 40 sino a Clapey ove si svolta a sinistra e si discende una stretta viuzza che attraversa le case del villaggio. Poco dopo le ultime abitazioni si incontra un pannello esplicativo che visualizza il territorio della Riserva Naturale. Si risale l'ampio sentiero con ringhiera e dopo alcuni minuti si raggiunge un bivio: si trascura il sentiero che diparte pianeggiante sulla destra e ci si innesta sul sentiero di sinistra che, brevemente conduce alla calotta sommitale di questa particolare formazione geologica. Si prosegue ora camminando in "cresta" e apprezzando molto la posizione molto panoramica di questa collina morenica: belle vedute sui monti di Aosta, dalla Punta Chaligne, alla Becca di Nona passando per la Becca di Viou. Dopo aver incontrato un altro pannello esplicativo si raggiunge una croce posta sul punto di massima elevazione del rilievo (762 m; 0h10'). Da qui, solo dopo essersi goduti della bella vista su Aosta, si inizia la discesa. Mentre il tratto precedente era piuttosto brullo, senza vegetazione ad alto fusto, ma con la possibilità di apprezzare molti abusti spontanei tipici degli ambienti aridi, ora si entra in un ambiente differente: aghifogli e qualche quercia. La discesa termina al primo bivio: si svolta a destra e si ripercorre in leggera salita il versante orientale della Côte. Dopo un tratto rettilineo si effetta una svolta verso destra per poi raggiungere nuovamente la cresta: da qui si riprende il sentiero percorso all'inizio, ridiscendo verso Clapey ove termina l'itinerario (734 m, 0h30').

Curiosità

Una leggenda popolare narra che questo particolare cumulo morenico, non sia altro che il sepolcro del mignolo di Gargantua, leggendario gigante presente nelle credenze locali.

Informazioni generali

Via:
Segnavia:
Tipologia percorso:
Periodo consigliato:
Esposizione al sole:
Pericolo Oggettivo:
Tratti esposti:
Attrezzatura utile:
Acqua:

Riferimenti bibliografici

  •  

Accesso stradale

All'uscita del casello autostradale A5 di Aosta Est si imbocca la statale 26 e si prosegue in direzione del capoluogo. Giunti in Aosta si seguono le indicazioni per Pila sino a raggiungere la località Pont-Suaz: da qui, superata la Dora Baltea, si svolta a sinistra seguendo le indicazioni per Gressan. Raggiunto l'abitato di Gressan, all'altezza della rotonda, si svolta a sinistra e si prende la strada per Pila: dopo alcuni chilometri si raggiunge la località di Clapey punto di partenza del nostro itinerario.

Galleria fotografica

Côte de Gargantua: ci siamo stati!

Gressan: relazioni itinerari

  • Bivacco Arno - Piatta de Grevon

    9/12/2011
    Ritratto di giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Punta Valletta

    19/06/2011
    Ritratto di giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Col Plan Fenêtre

    2/01/2010
    Ritratto di giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Chamolé

    2/01/2010
    Ritratto di giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Côte de Gargantua

    Ritratto di massimo
    massimo
  • Sentiero Panorama

    Ritratto di massimo
    massimo
  • Bivacco Federigo Zullo

    Ritratto di massimo
    massimo
  • Mont Emilius

    25/09/2004
    Ritratto di massimo
    massimo
  • Becca di Nona

    Ritratto di maurizio
    maurizio
  • Lago Chamolé

    Ritratto di vittorio
    vittorio

Gressan: per saperne di più...