Punta Lazoney

Ritratto di giancarloberetta
giancarloberetta
0 votes
+
Vote up!
-
Vote down!
Data rilievo: 
13/10/2012
Difficoltà: 
T3
Quota di partenza: 
1 553 m
Quota di arrivo: 
2 590 m
Dislivello: 
1 237 m
Lunghezza*: 
12.48 km
Tempo di salita o complessivo*: 
4h00'
Tempo di discesa: 
2h00'

Introduzione

L'escursione si sviluppa nel vallone di Niel, laterale alla media Valle di Gressoney sopra Gaby, e consente con un bel giro ad anello oltre che la salita ad una panoramica vetta anche il passaggio da due laghetti e dal Colle della Mologna Grande, frequentato punto di passaggio con il Piemonte e più precisamente con il territorio di Piedicavallo nel biellese. Il percorso si svolge quasi tutto su bei sentieri tranne che per il tratto dal Col Lazoney alla Punta dove si procede seguendo qualche ometto e comunque su un percorso sempre intuibile sia sulla larga dorsale che sul pendio finale dove si sfruttano alcuni canalini erbosi che conducono a qualche metro dalla cima; volendo aumentare un po' la difficoltà si possono salire le ultime decine di metri sul filo dell'aerea cresta rocciosa che si presenta con una lama esposta su placche inclinate (da percorrere con rocce asciutte) e scendere poi dal percorso più facile. I panorami sono molto belli sulla catena di confine col Piemonte e soprattutto sui vicini Cossarello, Punta Tre Vescovi e Gemelli mentre, nelle giornate limpide, si vede il massiccio del Monte Rosa e più lontano quello del Monte Bianco; da considerare inoltre la bellezza del vallone di Niel che, con questo giro, viene visitato quasi nella sua interezza con i suoi belli e solitari laghetti ed i suoi panoramici alpeggi. Gita consigliata nel periodo autunnale quando i colori della stagione prendono il sopravvento sul verde estivo.

Descrizione

Dal posteggio si prende la mulattiera lastricata ben indicata da numerose paline che verso destra inizia ad inoltrarsi nel vallone; giunti alle paline situate in prossimità delle vicine baite soprastanti, dove si trova anche un punto tappa per gli escursionisti, si sale alla sinistra per la bella e non ripida scalinata. Contornato il margine inferiore di un boschetto si piega a sinistra passando davanti alle baite di Péiri (1657 m) e, sempre su sentiero lastricato, si superano anche quelle vicine di Matta e Stubin (1699 m) per arrivare ad un ponte di legno oltre il quale si trova un bivio in corrispondenza di alcune paline (1740 m). Al bivio si imbocca il sentiero di sinistra che sale per una piccola costola boschiva al termine della quale si rimonta con stretti tornanti un ripido canale erboso; alla sua sommità si trova una grande pietra con alla base un piccolo ricovero diroccato (1905 m) che si passa sulla sinistra dove il sentiero spiana un po' passando su terreni più aperti. Si supera quindi una baita isolata (1984 m) dalla quale si prosegue sulla destra passando davanti ad una bastionata rocciosa; al di sopra di essa si trova il panoramico alpeggio di Jazit (2038 m) dopo il quale si deve risalire un ampio pendio attraversato da una larga frana alla cui sommità si trova la baita di Boudou (2168 m). Da qui si prosegue sui poco inclinati pendii erbosi sui quali si trova una bassa bastionata di roccia compatta che si supera arrivando poco dopo a due grandi ometti di pietre situati davanti alle baite diroccate di Kiwsull (2341 m). Superatele sulla destra si perviene ben presto ad un grosso ometto di pietre situato ad un bivio (2374 m) al quale di sale sulla sinistra percorrendo un traverso in leggera ascesa al termine del quale si trova il Col Lazoney (2403 m); qui termina il sentiero ed ora si devia a destra percorrendo l'ampia dorsale di erba e grosse pietre passando accanto ad una lunga pietra liscia e poco inclinata. Seguendo qualche ometto ci si avvicina alla dorsale che scende dalla punta che ora si trova davanti a noi si passa sopra ad alcune piccole pozze d'acqua e si risale faticosamente il ripido pendio che conduce alla cresta sfruttando qualche canalino erboso. Raggiunto il filo di cresta questa risulta abbastanza aerea presentando dapprima qualche passaggio su zolle erbose ed in seguito, quando diviene più rocciosa, alcuni metri un po' esposti su pietre lisce ed inclinate; al termine di questo passaggio si continua per una comoda cengia erbosa sulla sinistra dove, in corrispondenza di un piccolo ometto, si svolta a destra ed in breve, superando un ultimo risalto roccioso, si raggiunge l'ometto della cima. Nel caso non si volesse percorrere questo ultimo tratto aereo ed esposto si può salire più facilmente passando su canali erbosi alla base delle rocce inclinate della cresta (ometti) raggiungendo più in alto sulla destra il piccolo ometto sotto la cima. Ridiscesi per l'itinerario più facile si ritorna al Col Lazoney e da questo, raggiunto il sottostante bivio a quota 2374 m, è consigliabile il rientro percorrendo un bel giro ad anello deviando sul sentiero di sinistra; con questo itinerario si contorna tutta la parte alta del vallone di Niel su un sentiero che, con piccoli saliscendi, traversa a mezzacosta la fiancata della montagna passando su terreno prevalentemente erboso. Giunti all'incirca a metà della traversata si arriva ad una grossa pietra (2313 m) dove si trova una palina dalla quale, deviando a sinistra e percorrendo un breve tratto pietroso, si raggiunge in pochi minuti il solitario lago di Sukie (2319 m); ritornati sul sentiero si continua alla sinistra giungendo all'attraversamento di una grande frana di grosse pietre oltre la quale, camminando di nuovo su sentiero, si risale un breve tratto giungendo ad un bivio ben segnalato da un grosso ometto di pietre (2362 m) e da qui, rimanendo sulla sinistra, si arriva in pochi minuti al Colle della Mologna Grande (2379 m). Ritornati in breve al bivio sottostante si inizia ora la discesa verso Niel percorrendo dapprima un breve tratto sul quale si perde velocemente quota e poi, raggiunto il pianoro sottostante, si passa accanto al piccolo laghetto di Grekji (2249 m). Proseguendo nella discesa si superano alcune baite dalle quali poi si perde rapidamente quota percorrendo un ripido pendio alla sinistra di una grande frana di grosse pietre al termine del quale il sentiero spiana decisamente e passa davanti all'alpeggio di Schtovela (1786 m); superatolo di piega a destra scendendo leggermente per raggiungere nuovamente il bivio a quota 1740 m dal quale, chiuso l'anello, si torna al villaggio di Niel.

Informazioni generali

Via:
Segnavia: -
Tipologia percorso: circolare
Periodo consigliato:
Pericolo Oggettivo:
Esposizione al sole:
Tratti esposti:

Riferimenti bibliografici

Accesso stradale

Galleria fotografica

Punta Lazouney: ci siamo stati!

  • Punta Lazouney

    22/06/2014
    Ritratto di massimo
    massimo
  • In cima alla Punta Lazouney

    Punta Lazouney

    11/09/2013
    Ritratto di massimo
    massimo

#escursioni nella Valle del Lys: relazioni itinerari

  • Col Lazouney, da Steina

    18/09/2016
    Ritratto di massimo
    massimo
  • Punta Lazoney

    13/10/2012
    Ritratto di giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Mont de Prial

    23/10/2010
    Ritratto di giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Punta dei Tre Vescovi

    26/08/2006
    Ritratto di massimo
    massimo
  • Balma di Oropa

    3/10/2009
    Ritratto di massimo
    massimo
  • Col da Barma

    3/10/2009
    Ritratto di massimo
    massimo
  • Lago Vargno

    3/10/2009
    Ritratto di massimo
    massimo
  • Rifugio Alpenzù

    28/08/2015
    Ritratto di massimo
    massimo
  • Col de Frudière, versante orientale

    Ritratto di ivano_ruffoni
    ivano_ruffoni
  • Grignaz

    Ritratto di ivano_ruffoni
    ivano_ruffoni
  • Colle della Vecchia

    Ritratto di ivano_ruffoni
    ivano_ruffoni
  • Valle dei Principi

    Ritratto di ivano_ruffoni
    ivano_ruffoni

Pagine

Gaby: per saperne di più...