Villaggio dei Salassi

Ritratto di gian
gian
0 votes
+
Vote up!
-
Vote down!
Difficoltà: 
T2
Quota di partenza: 
1 710 m
Quota di arrivo: 
2 347 m
Dislivello: 
637 m
Tempo di salita o complessivo*: 
2h00'
Tempo di discesa: 
1h30'

Introduzione

Splendida gita da fare in famiglia. Il tracciato si snoda in massima parte su strade sterrate poco frequentate dai mezzi a motore. Salendo si costeggiano i laghi di Croux e di Charey dove è possibile fermarsi per il pic-nic. Al Col Pilaz è stata attrezzata un'area apposita. Il periodo migliore coincide con i primi caldi estivi, quando le acque di fusione riempiono i laghi e la fioritura dei crochi punteggia di rosa e bianco il verde dei pascoli.

Descrizione

Dopo aver lasciato l'auto nel grosso piazzale della frazione Artaz dove finisce la strada regionale si entra nel centro storico del villaggio passando a fianco del vecchio fontanile. Pochi passi più avanti si trova una biforcazione: si sale a sinistra seguendo il segnavia Sentiero n° 3, attenzione a non seguite le indicazioni che portano a destra, verso il colle Portola. Subito dopo si attraversa la strada asfaltata e si imbocca il sentiero che sale ripido tra le villette ed i pascoli fino a raggiungere la strada sterrata che si segue per una ventina di minuti fino a raggiungere il casolare di Laye. Subito dopo la costruzione inizia la scorciatoia che sale sulla sinistra e in circa 10 minuti porta al lago di Croux. Dal lago si segue la pista che lo costeggia sulla sinistra e che poi sale ripida tra gli alberi. Dopo una decina di minuti la salita si fa più dolce e la pista si perde in un prato tappezzato di genziane. Si prosegue in piano verso il Col Pilaz fino a passare dietro il rudere di una baita dal quale si gode un panorama mozzafiato che spazia dal monte Barbeston, alla piramide dell' Emilius, al vallone del bivacco Tzan. Dietro il lariceto fa capolino la punta del monte Zerbion, con in cima il puntino bianco della statua della madonna. In pochi minuti passando a monte del Lago Grande Puine si raggiunge la strada sterrata che dal Col Pilaz sale ripida nel bosco verso il Tantané. Qui iniziano i pannelli della sentieristica del comune di La Magdeleine, zeppi di informazioni preziose su fauna, flora, geologia e cultura alpina. Si segue la pista all'interno del bosco fino raggiungere prima l'emissario e poi il lago di Charey, un bellissimo specchio d'acqua circondato dai larici, dove all'inizio dell'estate resiste ancora un piccolo nevaio che macchia di bianco le acque cerulee. Si prosegue lungo la sterrata che esce dal bosco, si oltrepassa l'alpeggio di Charey, e nei pressi un torrentello si lascia la sterrata per lo splendido sentiero che si stacca sulla destra e si dirige verso sud lungo le pendici del Monte Tantané. Dopo alcuni saliscendi, a monte del sentiero, si incontra una pietra triangolare infissa nel terreno. Da questo punto si abbandona il tracciato principale e ci si dirige verso la cima del Tantané seguendo la cresta erbosa fino ad arrivare alla pietraia dove si trovano i resti delle capanne dell'età del ferro.
Il ritorno si effettua sullo stesso itinerario dell'andata.

Curiosità

Il grande insediamento del Tantané è a tuttora un mistero per gli archeologi. Risulta sia stato abitato per un paio di secoli nel II e I secolo avanti Cristo. Era composto da più di 25 capanne con muratura in pietra e tetto in legno ed era frequentato anche da donne. La sua ubicazione, relativamente lontana da colli e corsi d'acqua sembrerebbe escluderne la funzione di posto tappa e anche tenendo conto di un clima più caldo dell'attuale riesce difficile immaginare un utilizzo agricolo del villaggio proprio perché è costruito a ridosso delle pietraie che circondano la sommità del monte. Alcuni studiosi ritengono l'abitato legato ad un'attività estrattiva. Purtroppo ad oggi non si è trovato nei dintorni alcun giacimento di ferro e traccia di coltivazioni minerarie che confermino tale ipotesi.

Informazioni generali

Via: da Artaz
Segnavia: 3, 2 poi assente
Tipologia percorso: a/r
Periodo consigliato: maggio, giugno, luglio, agosto, settembre, ottobre
Pericolo Oggettivo: nessuno
Esposizione al sole: ovest
Tratti esposti: nessuno
Acqua: Artaz

Riferimenti bibliografici

Accesso stradale

Raggiunta l'uscita dell'autostrada Autostrada A5 di Châtillon dopo 300 m si svolta a destra in direzione Breuil Cervinia - Valtournenche. Dopo 1.2 km si raggiunge un semaforo: si prosegue diritto per poi svoltare sulla destra, superato un sottopassaggio, nella direzione precedentemente citata. Si è ormai sulla ss26 e, dopo aver superato un altro semaforo e due gallerie, a 3.7 km si incontra una rotonda: si svolta sulla destra imboccando la sr46 della Valtournenche. Ad Antey-Saint-André, dopo 11.4 km, si svolta a destra in direzione de La Magdeleine; si trascura il bivio per Promiod (16.2 km) sulla destra ed infine si giunge davanti alla chiesa de La Magdeleine (19.2 km). Si transita davanti al campanile della chiesa parrocchiale, si prosegue poi per circa 1 km fino ad arrivare al piazzale della frazione Artaz dove si parcheggia l'auto.

Galleria fotografica

Villaggio dei Salassi: ci siamo stati!

  • Scavi Archeologici sul Mont Tantané

    5/08/2013
    Ritratto di BertoMeansBerto
    BertoMeansBerto

La Magdeleine: relazioni itinerari

  • Col Pillonet

    7/02/2011
    Ritratto di massimo
    massimo
  • Champlong

    4/01/2009
    Ritratto di massimo
    massimo
  • Brengon

    Ritratto di massimo
    massimo
  • Mont Tantané

    Ritratto di massimo
    massimo
  • Villaggio dei Salassi

    Ritratto di gian
    gian
  • Col Pilaz

    4/01/2004
    Ritratto di massimo
    massimo

La Magdeleine: per saperne di più...