Sarre

0 votes
+
Vote up!
-
Vote down!
Ritratto di maurizio
maurizio
Licenza Creative Commons: 
Creative Commons Licence

Scheda informativa

Superficie: 28,15 kmq
Altitudine: 591m
Maggior elevazione: Mont Fallère (3061m)
Numero abitanti: 4494
Nome in dialetto: Sarro
Nome abitanti: Sarrois - Sarrolen, Sarrolentse
Santo Patrono: Saint-Maurice (22 settembre)
Sito internet: www.comune.sarre.ao.it
Webcam:
Comuni confinanti: Aosta, Aymavilles, Gignod, Gressan, Jovençan, Saint-Pierre
Villaggi e frazioni:
Sarre: Arensod, Bellair, Bellun, Blassinod, Clut, Crou Pernet, Fachet, Fochat, Grand-Cré, Janin, La Gorettaz, Lalex, Maillod, Moulin, Pertusat, Petit-Cré, Rovine, Sainte-Hélène, Saint-Maurice, Thouraz, Tissoret, Vareille, Vert
Chesallet: Angelin, Baravod, Betende, Beuvé, Challançon, Champlan, Clou, Conclonaz, Condemine, Creutzet, Fareur, La Grenade, Lalaz, La Remise, Mondache, Montan, Oveillan, Palue, Péravère, Piolet, Pléod, Poinsod, Pont d'Avisod, Rigollet, Ronc, Rovarey, Salée, Tissière
Ville sur Sarre: Caillod, La Cort, Lein, Moulin, Remondet
Alpeggi:

Descrizione

Posto a pochi chilometri ad ovest di Aosta, il comune di Sarre costituisce ormai quasi un unico agglomerato con il capoluogo regionale, soprattutto lungo il principale asse viario rappresentato dalla strada statale per Courmayeur.
Il suo territorio vanta invece insediamenti antichissimi, ben anteriori alla romana Aosta: sono state riportate alla luce le tracce di un villaggio risalente all'Età del Bronzo nei pressi della frazione di Ville-sur-Sarre, mentre altre costruzioni di epoche protostoriche sono riemerse nel corso dei lavori di ampliamento del cimitero.
Ma la maggior parte delle memorie del passato sono come sempre legate al medioevo, quando cioè Sarre era parte integrante della signoria di Bard. Fu infatti questa famiglia ad iniziare i lavori di costruzione del castello sul perimetro di quello attuale, ma con diversa struttura. Sembra che la castellania di Sarre non portasse molta fortuna ai suoi titolari: infatti cominciando con la famiglia di Bard, anche tutte le subentranti si estinsero rapidamente, devolvendo così i loro titoli ai conti di Savoia. Vittorio Emanuele II, nel 1869, inserì il castello di Sarre tra i possedimenti del suo casato e lo adibì a residenza di caccia. Se l'aspetto esterno risale alla ristrutturazione del XVIII secolo, il re d'Italia ne curò gli interni, decorandoli (con dubbio gusto) con i suoi macabri trofei di caccia. Attualmente il castello è di proprietà dell'Amministrazione Regionale, che ne ha recentemente completato il restauro e riaperto le porte ai visitatori.
Il tessuto economico comunale è ovviamente pesantemente condizionato dalla vicinanza della città di Aosta, con il conseguente allargamento del settore terziario ed un forte pendolarismo dei residenti. Non mancano però qualificate presenze anche nel tradizionale settore agricolo, rappresentato per lo più da viticoltura, frutticoltura ed aziende vivaistiche. Nella parte alta del territorio è ancora presente l'allevamento dei bovini, che sfrutta i bellissimi pascoli che si estendono fino ai piedi del Mont Fallère.

 

Sarre: relazioni itinerari

  • Punta Chaligne

    13/01/2011
    Ritratto di giancarloberetta
    giancarloberetta
  • Becca France, da Bellun

    Ritratto di massimo
    massimo
  • Tsa de Metz

    30/12/2005
    Ritratto di massimo
    massimo
  • Lago Fallère

    9/08/2003
    Ritratto di massimo
    massimo
  • Mont Fallère

    Ritratto di massimo
    massimo

Sarre: ci siamo stati!

  • Becca France

    27/05/2012
    Ritratto di massimo
    massimo
  • Becca France

    Becca France

    29/06/2002
    Ritratto di massimo
    massimo

Sarre: per saperne di più...

Sarre, sul magazine!

  • Le sfide "verticali" in Valle d'Aosta nel 2017

    Ritratto di massimo
    Inviato da massimo il Gio, 19/01/2017 - 13:54

    Anche per il 2017 in Valle d'Aosta sarà presente un nutrito calendario di gare "verticali". Come ben sanno gli intenditori di questa specialità dal 2015 i verticals valdostani sono inseriti in un circuito, chiamato Défi Vertical (sfida verticale) che raggruppa le principali gare di questo genere. Questo format di competizione è stato "clonato" dallo sci-alpinismo, competizioni secche estremamente dure che in breve sviluppo chilometrico porta gli atleti a salire migliaia di metri di dislivello positivo D+ a perdifiato. La Valle d'Aosta offre naturalmente un'immensa varietà di percorsi con dislivelli che vanno dai 1000 ai 2000m di D+ con alcune particolarità come il chilometro in discesa  Cervinia e l'affascinante vertical in notturna a Courmayeur.

    Il calendario del 2017 vede ad oggi 8 gare che vi elenchiamo qui di seguito:

    • 30 aprile Vertical Fenis: K1 con 1000m D+ e 5km di sviluppo e K2 con 2000m D+ su 10 km (inserito nel circuito Défi Vertical)
    • 19 giugno Vertical Becca di Viou: 1900 m D+ su 9km di sviluppo (inserito nel circuito Défi Vertical)
    • 8 luglio Cervino Vertical: VK+ 1000m D+ in 4km ed il VK- 1000m D- sempre in 4 Km, autentica particolarità
    • 15 luglio Gran Paradiso Vertical: con 1000m D+ e 3,6km di sviluppo (inserito nel circuito Défi Vertical)
    • 16 luglio Pointe de Chaligne Skyrace: con 1400m D+ e 6km di sviluppo
    • 5 agosto Courmayeur Mont-Blanc SkyRace: con 1000m D+ e 7km di sviluppo  e con 2000m D+ e 10,39km di sviluppo (inserito nel circuito Défi Vertical)
    • 29 settembre Vertical du Costaz: 2,9Km - D+ 1000m (inserito nel circuito Défi Vertical)
    • 15 ottobre Vertical Mont Mary: 9,8km - D+ 2250m (inserito nel circuito Défi Vertical)

    Nel 2017 non sarà in programma la classica dei Vertical, l'Aosta - Becca di Nona, in quanto questa gara dopo il periodo di inattività è diventata biennale pertanto appuntamento al 2018 per la gara che è stata vinta da grandi atleti del calibro Bruno Brunod, Dennis Brunod, Tadei Pivk, Kilian Jornet Burgada, Gloriana Pellissier e Corinne Favre. Dispiace infine non vedere più nei programmi di gara la Vertikal 2000 di Morgex, sicuramente una delle gare che ha costruito il mito "verticale".

    Copertina: