Monte Oramara e Monte Dego

Ritratto di locontim
locontim
0 votes
+
Vote up!
-
Vote down!
Data rilievo: 
3/06/2018
Difficoltà: 
T2
Quota di partenza: 
1 091 m
Quota di arrivo: 
1 522 m
Dislivello: 
597 m
Lunghezza*: 
13.76 km
Tempo di salita o complessivo*: 
4h30'

Introduzione

La vetta dell'Oramara (1522 m) è una montagna dell'Appennino Ligure ed è la più alta dello spartiacque di sinistra della val d'Aveto; è un punto di osservazione non molto vasto ma spiccano verso l'interno il monte Lesima (1724 m) e il monte Alfeo (1650 m). Poco lontano, si trova il monte Dego (1427 m), dove è situata una chiesetta dedicata alla Vergine Immacolata dai soldati della Grande Guerra. La gita proposta è una piacevole passeggiata che ricalca parte dell'antica via medievale tra la val d'Aveto (zona di Alpepiana - Vicosoprano) e la val Trebbia (Ottone).

Descrizione

Si risale un viottolo asfaltato che poi diventa sterrato, si ignora una diramazione a destra e si continua sulla “strada consorziata”; si tratta dell’approccio più semplice e breve per il Monte Oramara, ma per un lungo tratto non è marcato.  Data la stagione, i prati sono piacevolmente fioriti. Si prosegue dritti, tralasciando due bivi sulla sinistra che portano a delle piccole pozze d’acqua. Si giunge dalla Bocca della Selva (1294 m) dove si entra nel bosco sul versante nord (50’). In 25', si incrocia il segnavia Cai proveniente da Connio delle Cascine. L’ampia traccia sale, in parte ostacolata dai molti rami caduti durante l’inverno. Dopo 10’, una deviazione segnalata si inerpica  a sinistra tra gli alberi (a destra la via che si percorrerà al ritorno), poi pianeggia a sinistra, ma il sentiero si abbandona oltre una breve ripida discesa (pochi metri) per piegare a destra con tacche poco evidenti e rami abbattuti che complicano il superamento del punto...    Subito dopo, si curva a gomito a destra e si risale nel bosco fino alla cima (30’)…  Fin qui servono circa 1h45/2h.  Da lì si procede sulla cresta, ma è un po’... aerea... si nota sulla destra che poco sotto c’è un tracciato che si sviluppa in discesa; lo si prende (nessuna marcatura) e si sbuca su una larga pista (15’ ) dove si trovano i simboli Fie. Qui si piega a destra e in circa 10’ ci si immette sul sentiero Cai del ritorno. Si persiste dritti, quasi in piano, e in 20’ ci si innesta in una strada sterrata, da una costruzione in muratura. Ora si tiene la destra e in 5’ si è dall’edificio sacro (circa 2h45 tot.). Il posto è ameno con un discreto panorama…
Dopo la pausa, si retrocede sui propri passi fino alla sella erbosa dove si trovano le paline del Cai ( 25’ ). Si svolta a sinistra, ma se uno dovesse andare a destra per il bivacco rif. di Foppiano avrebbe difficoltà perché il bivio non è evidenziato e i simboli Fie sono un po’ sbiaditi…  Si taglia così il lato nord del monte Oramara. Si rivede, in circa 10’, l’incrocio del mattino per la vetta e da qui si ripercorre la strada dell’andata… Dieci minuti e si tralascia il bianco rosso Cai, che degrada sulla sinistra. In 1h, si rientra dal parcheggio dove attende l’auto  (1h45 tot ritorno).
Meteo più che discreto. In definitiva: disl. + 450 mt  Dif. T/E  circa  4h30 Tot. + tutte le pause x vedere i vari luoghi che si incontrano.


Foto file pdf:
http://cralgalliera.altervista.org/VicosopranoOramaraDego018.pdf

Altre gite 2018:
http://cralgalliera.altervista.org/altre2018.htm
http://cralgalliera.altervista.org/anno2018.htm

Precedente visita in zona:
http://www.cralgalliera.altervista.org/AnelloMontarloneTraAlpepianaLovari.pdf
foto singole alla 6 a riga   http://www.cralgalliera.altervista.org/altre2017.htm

NB: in caso di gita, verificare, sempre, con FIE, Cai, eventuale Ente parco o altre Istituzioni, pro loco, ecc., che non ci siano state variazioni che abbiano aumentato le difficoltà! Si declina ogni responsabilità. Il presente testo ha solo carattere puramente indicativo e non esaustivo.

Info Sezione Escursionismo Cral Galliera:  http://www.cralgalliera.altervista.org/esc.htm
gite 2018 al link:  http://www.cralgalliera.altervista.org/gite2018.pdf

Informazioni generali

Via:
Segnavia: sentieri con parziale marcatura Fie e Cai
Tipologia percorso: andata e ritorno, parzialmente circolare in un breve tratto
Periodo consigliato: maggio, giugno, settembre, ottobre
Esposizione al sole: sud
Pericolo Oggettivo: nessuno
Tratti esposti: nessuno
Attrezzatura utile: normale attrezzatura da escursionismo giornaliero
Acqua: nr

Riferimenti bibliografici

  •  

Accesso stradale

Dal centro di Rezzoaglio (circa 1h30 di viaggio da Genova), al bivio, si ignora la strada a destra che sale a Santo Stefano d'Aveto e si piega a sinistra (direzione Piacenza Marsaglia). Dopo circa 4,5 km, trascurando altre due diramazioni sulla destra, si svolta a sinistra per Alpepiana e Vicosoprano. Si supera quest’ultimo borgo è da uno spiazzo sulla destra si parcheggia, nei pressi di una fontanella del Corpo Forestale dello Stato del 1954 (altri 6,5 km -  1091 m – circa 25’ da Rezzoaglio, la strada è stretta!).

Galleria fotografica

Monte Oramara: ci siamo stati!

Parco dell'Aveto: relazioni itinerari

  • Monte Aiona

    21/10/2018
    Ritratto di locontim
    locontim
  • Cappella delle Lame

    30/09/2018
    Ritratto di locontim
    locontim
  • Monte Oramara e Monte Dego

    3/06/2018
    Ritratto di locontim
    locontim
  • Rifugio Malga Zanoni, anello breve della Scaletta

    17/06/2018
    Ritratto di locontim
    locontim
  • Rifugio Malga Zanoni

    3/09/2017
    Ritratto di locontim
    locontim
  • Monte Penna

    2/07/2017
    Ritratto di locontim
    locontim

Parco dell'Aveto: per saperne di più...